Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap

Alla sessione Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap del convegno Cittadinanze dell’Universita’ di Torino coordinata da Mariella Berra, hanno partecipato

  • Alessandro Sciullo, Donne, scienza, tecnologia. Un rapporto
    in evoluzione raccontato per numeri
  • Giulia Maria Cavaletto, La generazione Millenials: la scalata
    alle STEM?
    Carmen Belloni, Donne, scienza, tecnologie. Un rapporto
    ambiguo e (volutamente?) imperfetto
  • Eleonora Pantò, Big and small data
  • Guglielmo Bruna, Una sfida per l’organizzazione della PA
    digitale: un nuovo equilibrio di genere?

Continue reading “Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap”

Hybrid Politics Media and Participation

Iannelli’s research for media relations, political participation, and democracy favours a systemic approach that goes beyond the rhetoric of “technological revolution” and seeks to focus on media hybridization and continuity over forms of political participation and power imbalance, involving new and old technologies. The book is structured in three chapters: in the first, the main theoretical references to the relationship between power and political participation are referred to in the media sphere. In the following two chapters, the “hybrid media approach” is described, showing how non-elites can have more opportunities in the process of mediating politics, especially during elections and scandals. In the third chapter, case studies show how jamming practices between political discourse and pop culture are growing in interest for parties and the media industry. The cases include an analysis of what happened in Italy between 2009 and 2011, with the Five Star Movement, strongly based on the direct participation through the Internet and the rise to power of Matteo Renzi, the youngest prime minister in the history of the Italian Republic, which translated the “generational change” into communication, using live streaming for its Q & A on Facebook and Twitter. Iannelli warns us about the risk of oversimplification and the celebratory narrative of digital media as a means of increasing political participation. Although Brexit and Trump have shown us that social media are not so transparent, we cannot ignore the growing number of countries where social channels are readily under control in times of tension. Published by SAGE, the ISBN number of this book is: 9781473915787

Summer is the time for STEM

Minecraft, Robotics, Digital Fabrication, Videogames, Scratch, Digital Storytelling, Graphic and Web Design: summer camps provide an opportunity to express creativity, acquire skills and develop new digital awareness. Science, Technology, Engineering, Mathematics as well as Art and Reading: STEM or STEAM or STREAM are synonymous with technological innovation. Parents want for their children an education that guarantees them the best future, and given the fact that not all schools are well equipped for STEM, summer camps provide a great opportunity to combine fun and learning. All around the world, there are plenty of different types of solutions with mother tongue and English courses, with meals and overnight stays included, near the sea or in the mountains. Costs vary a lot, but for parents who have planned ahead, there are lots of different choices. After the holidays, many of these schools will continue to offer courses all year round both during school hours or in an after-school setting. In Italy, the most successful experience is H-campus, which this summer offers 128 different laboratories in Italian and English. In Reggio Emilia, ragazzedigitali offers code-specific courses for girls while MondoDigitale has organised a week in Sicily to build collaborative robots and reflect on the fight against the mafia. TribuDigitali in Puglia offers a weekly coding and storytelling course organised on a camp site. To-Science is an itinerant lab on science, nature and technology and in Eleonora Pantò Media & Learning News July 2017 Published by the Media & Learning Association Florence it’s possible to work on 3D modeling and robotics. Brick4kids offers courses around the world to Lego lovers and in Turin has chosen to set them in a small airport where the kids can talk to the pilots and visit the control tower. There are plenty of opportunities in other parts of Europe. In Portugal, for example, the Estudios de Fatima Center organises the Summer Code Camp with projects based on the use of Raspberry, while Digitalswitzerland with its nextgeneration program offers coding, robotic and entrepreneurial courses. Digipen offers art, animation and sound design courses from Bilbao to Singapore. Students taking part in ConMasFuturo in Madrid learn to build amphibious vehicles with Arduino, videogames with Unity and also how to design a smart home with IoT. Learning STEM during a summer course is undoubtedly useful but probably not enough. The pupils who start to go to school today will have a 100-year-long life expectancy and the prospect of retiring at 80. They will have at least two to three different careers in their lives: they must be prepared to face this kind of challenge, since it is very difficult to predict today how work will change in 10 or 20 years. The most interesting courses should immerse the kids in the lives of people around them and allow them to design ways to make life better for everyone, developing the passion to look for the unexpected and to find ways to overcome the impossible. Are the summer digital camps an opportunity to reinvent school or learning? What is your experience? What do you expect from STEM courses as parents, teachers or students? Share your thoughts with us at eleonora.panto@gmail.com

L’apprendimento nell’era digitale

Questa Intervista è stata pubblicata su Open Badge Italia 

L’utilizzo delle applicazioni web e-learning, quiz e video hanno mutato il modello di apprendimento in classe. I ragazzi sono spesso impegnati alla ricerca di soluzioni alternative, le risorse sono tante e il loro entusiasmo cresce per poi crollare a picco.

È possibile integrare le vecchie tecniche di apprendimento con le nuove tecnologie?

Quali sono le “vecchie” tecniche di apprendimento? Tecniche di memorizzazione? In ogni caso le tecnologie da sole non cambiano nulla, possono essere usate benissimo con un modello didattico trasmissivo. Per questo non ha molto senso la domanda “ma si impara di più con il tablet/pc”

Cosa manca e cosa va migliorato nel nuovo approccio didattico? Continue reading “L’apprendimento nell’era digitale”

SocialBots and Their Friends – Digital Media and the Automation of Sociality

“Bots are the new apps” said the CEO of Microsoft, Satya Nadella, in 2016. His vision about the way humans will interact with machine was “conversation as a platform”, in which Artificial Intelligence (AI) allow computers to be able to interact with people, using the most natural human interface, language. Many users of the Internet are aware of bots: automated programs that work behind the scenes to come up with search suggestions, check the weather, filter emails, or clean up Wikipedia entries. More recently, a new software robot has been making its presence felt in social media sites such as Facebook and Twitter – the socialbot. This volume is one of the first academic collections to critically consider the socialbot. Socialbots are programs that act on the basis of a fake identity within social media, where they try to influence opinion-making processes. The question as to how effective they are in manipulating opinions and whether and how law-makers should react to them has been a subject of quite some dispute among the authorities. Many aspects are discussed in the contributions contained in the book including mandatory registration for socialbots as well as an intensified engagement within media education in order to counter the potential manipulation of opinion. Furthermore many other scenarios are possible; what about having the assistance of one or more handsome socialbots as virtual influential Facebook friends who boost our social value by liking our picture or making cute comments on our status? ‘Socialbots and Their Friends: Digital Media and the Automation of Sociality’ is one of the first academic collections to critically consider the socialbot and tackle these pressing questions. This book is published by Routledge, ISBN 978-1-1386-3940-9

Scegliere o decidere?

Torino non è più quella di una volta:  ora è particolarmente frizzante per occasioni di confronto e di approfondimento. Oggi,  30 marzo 2017 si poteva scegliere fra Share Italy e Biennale Democrazia, domani  il Festival della Psicologia e qualche giorno fa  la Lectio del Professor Norberto Patrignani al Centro Sereno Regis – intitolato Slow Tech Per un’informatica buona pulita e giusta   Continue reading “Scegliere o decidere?”

#TIM la sua soddisfazione è il nostro miglior premio

Sono stata cliente Telecom/Tim per più di trent’anni per la telefonia fissa, ma mai utente linea dati: da più di venti anni utilizzo altri Internet Service Provider.

Per serie di sfortunati eventi il 4  dicembre 2016 decido di acquistare la SMART FIBRA di TIM. Niente di più semplice: comunico al mio provider l’intenzione di scindere il contratto e faccio la semplice procedura sul sito online di TIM. Una volta compilata la domanda compare una videata che dice “ORA NON DEVI FARE PIU NULLA” ,ma non si riceve nessuna mail di conferma o di ringraziamento. Come ho detto sono cliente dagli anni 80 e ho la “bolletta” domiciliata e mai un ritardo nel pagamento – ovvero TIM ha tutti i miei dati già in suo possesso.  Dopo una settimana di silenzio trovo uno spiraglio per contattare la TIM, il customer care su TWITTER!  ovviamene sono subito invitata a proseguire dicussione in privato e cosi’ inizia conversazione con   @TIM4USara. Faccio la mia prima richiesta l’8 dicembre dando come riferimento il numero di telefono fisso (ok e’ festa) pensando che da li sia facile per loro ricostruire la mia storia. Ricevo una risposta il 9 e mi chiedono  il codice fiscale dell’intestatario – ripeto hanno gia’ tutto, compreso il cc bancario.  Due giorni in cui sollecito  e non ho nessuna  risposta.

 

 

Confesso che non ho capito subito. Quale print? quale scontrino? ho fatto tutto online! Continue reading “#TIM la sua soddisfazione è il nostro miglior premio”

Il TEDxTorino visto da una speaker

Ho aspettato la pubblicazione del video del mio TEDxTorino Talk per raccontare questa avventura.


Faccio parte di quelli  per cui i video del TED sono IL modo in cui si parla in pubblico.   Li ritengo una risorsa preziosa e nel 2011 ne scrivevo su questo blog. Il  TED  è stato il mio punto di partenza per  scoprire personaggi come  Ken Robinson, Jane McGonical, Alain de Botton, Steve Berlin Johnson, Sugata Mitra, Sal Khan e leggere i loro libri, come pure per approfondire tecniche di presentazione,  studiando Nancy Duarte e i suoi libri.

Detto questo, quando il mio collega Gian Luca Matteucci mi ha detto che avrei partecipato a TEDxTorino, semplicemente non ci ho  creduto.

Per capire cosa si prova (ovviamente con le dovute proporzioni) si può leggere “Doing a TED talk; the full story“.  Ho addomesticato  la mia paura di parlare in pubblico dalla quinta superiore, spinta (fisicamente) dalla mia prof a prendere la parola in un’assemblea. Ho partecipato ad un sacco di eventi come relatrice, moderatrice, discussant ma il TED è diverso.

Per me TEDxTorino è iniziato ai primi di novembre  e l’evento era previsto per fine gennaio.  Il primo contatto è stato con il curatore Enrico Gentina, con cui abbiamo concordato il tema e che mi ha dato subito molte informazioni su come sarebbero andate le cose  E’ stato Enrico e il suo approccio positivo a darmi qualche speranza sul fatto che avrei potuto farcela.

Ho avuto da subito il supporto di una super coach – Mavy Mereu, che ha l’età di mia figlia e si è laureata qualche giorno prima che ci incontrassimo di persona.  Mavy era il punto di contatto con il TED e  ha unito cortesia squisita e ferma insistenza, ma soprattutto è stata la mia prima e più convinta supporter.

Fino alla conferenza stampa a metà dicembre (le sei settimane passate piu’ veloci della storia)  non ne avevo ancora  praticamente parlato quasi con nessuno (sempre perché in fondo non ci credevo davvero).

Durante la conferenza stampa ho conosciuto  alcuni degli altri relatori, tra cui Guido Avigdor  e soprattutto ho incontrato Elisa Vola, la licenziataria di TEDxTorino, colei da cui tutto è partito, accogliente e super determinata e Claudio Vigoni che ha creduto nel ruolo di CSP in questo evento.

Nel frattempo lavoravo al talk che  iniziava a prendere forma:  volevo parlare di videogiochi e avevo molte cose da dire, sul loro impatto nell’apprendimento,  su quello che capitava a Torino, sulle dimensioni del mercato…   avevo scritto le prime versioni del talk : era zeppo di riferimenti e di numeri,  mi sono confrontata e ho chiesto aiuto ad amici come Marcello Bozzi ed Enrica Bricchetto, insegnanti eccezionali e altri amici che mi hanno aiutato con i loro spunti, consigli e suggerimenti.   Il talk  era un po’ troppo tecnico ed era lungo: avevo OTTO minuti e nelle prime versioni ci mettevo più di 12 minuti.

A gennaio quando mancavano poco meno di quattro settimane  bisognava mandare il testo quasi definitivo e io lo mandai. E subito dopo l’ho cambiato,  grazie al supporto di Massimo e Lara,  che mi hanno aiutato a trovare una chiave più narrativa.

La prima prova si è svolta una domenica sera davanti ad un gruppo di volontari del TED e con Enrico, Elisa, Mavy e gli altri dello staff. Non avevo ancora imparato bene il discorso così l’ho letto – sette minuti e mezzo senza prendere fiato! Per fortuna me lo fanno rifare a braccio, mi hanno dato ottimi consigli per rendere la storia più efficace e informazioni su come avrei dovuto muovermi sul palco.. ma soprattutto sembrava che  fosse davvero piaciuto. Li ho conosciuto Rosy Sinicropi,  il suo progetto Self Portrait e la sua grande carica umana.

Le ultime due settimane di gennaio  sono state intense, limando  e rifacendo, provando e riprovando, registrandomi e riascoltandomi…   (e ho tralasciato tutte le questioni rispetto all’estetica: il TED dà pure le linee guida su come vestirsi e c’e’ un bellissimo TED sul linguaggio del corpo)  e con un po’ di agitazione siamo arrivati  alla prova finale, il giorno prima dell’evento.

Durante la presentazione ho  chiesto a Mavy di aiutarmi con le slide… è stata bravissima e io non ho dovuto preoccuparmene,  ma lei era agitata quanto me.

Che sollievo poi godersi le presentazioni degli altri e che belle persone che ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere grazie al TEDxTorino.  Ho chiacchierato con Gian Luca Boggia alla cena di gala che  mi ha spiegato il mondo dell’economia carceraria.  Così ho prenotato e sono andata a cena in carcere alle Vallette (potete prenotare qui http://liberamensa.org/).  Restando in tema di cene, ho scambiato due parole con Luca Iaccarino e gli ho detto che avevamo parlato di lui con Rosa del mare (nonostante le 1500 trattorie ha capito subito che parlavamo di Rosa dei Venti Di Albissola). Con Lele Rozza e Miguel Angel Belletti spero continueremo a  parlare ancora di scuole innovative.

Non saprei che consigli dare che non siano già stati scritti, detti e persino disegnati, su come prepararsi per fare un TEDx talk: l’esercizio più difficile   per me è stato concentrare in pochi minuti tante cose che volevo dire, frutto di anni di lavoro e di studio e concordo con chi dice che l’uso delle slide è sopravvalutato.

Ancora una volta grazie  ancora e ancora a tutti quelli che mi hanno sopportato (mio marito in primis), aiutato, consigliato, sostenuto e a tutti gli amici dello staff di TEDxTorino e un consiglio a tutti, non perdetevi TEDxTorino 2018.