Battutologia

Sto leggendo “Storytelling – la fabbrica delle storie” di Christian Salmon e lo consiglio vivamente. Saper raccontare delle storie convincenti  è alla base della costruzione delle “visioni del mondo” in senso etnologico. A partire da Barthes, a Propp, a Lyotard per cui anche gli scienziati sono dei narratori… siamo sempre tutti eterni bambinoni, che hanno voglia di ascoltare belle fiabe. Per questo forse non era difficile immaginare che la “narratologia” fosse alla base di strategie di marketing, di management, di politica…. però chissà perché ci si sente sempre un po’ scemi quando certi meccanismi vengono disvelati. Mi ha colpito casualmente, il riferimento nel libro ad un articolo di Serge Salimi, di cui Salmon aveva già parlato nel 2006 su Le Monde Diplomatique (tradotto anche in italiano), rivela come la struttura narratologica di Reagan, sia la stessa di Clinton, Bush, Sarkosky….. ecco cosa dice Reagan nel 1985, in un discorso alle due camere:

«La storia delle vostre vite ci ricorda che uno dei nostri slogan più antichi resta sempre di grande attualità : tutto è possibile in America se abbiamo fede, volontà e forza d’animo. Ancora una volta, la storia ci chiede di mettere la nostra forza al servizio del bene nel mondo»Â

e non vorrei fare alcun paragone, però sono le stesse parole con cui Obama ha iniziato il suo discorso, non più di quattro giorni fa…

In Italia, dove siamo notoriamente all’avanguardia, ma abbiamo una grande storia, nessuno invece ha pensato di scrivere un saggio sulla battutologia, in fondo lo schema è classico:

1) esiste una tensione interna su qualche tema di carattere sociale

2) si abbassa il consenso verso il governo Berlusconi, che non è in grado di comunicare con una “bella storia” le misure impopolari che si accinge a mettere in atto

3) appena Berlusconi ha l’opportunità di essere in un contesto formale e internazionale (ovviamente più è formale più è internazionale e meglio è) fa qualche affermazione grottesca, o comunque palesemente offensiva per interi popoli/culture

4) grande indignazione generale e rimbalzo della battuta su agenzie di mezzo mondo

5) Berlusconi, per primo e poi, il suo entourage, dichiarano stupore e incomprensione, dal fatto che battuta o il motto di spirito (spesso inammissibile per la grevità neanche in contesti ben più informali) non sia stata compresa

6) risultato: tutti parlano delle gaffe collezionate dal premier e i media non si occupano più del problema preesistente.

Dicevo che siamo un Paese di innovazioni, ma anche di tradizioni: già il Castiglione, nel suo “Cortegiano” scritto nell’arco di una vita (molto interessante questa analisi, per chi volesse approfondire: cosa deve fare il cortegiano per il suo Principe? Divertirlo, ovvero “di-vertire” “dis-togliere”, cioè”distrarre l’animo da cure e pensieri molesti”.

Lo schema è di comprovata efficacia e vale la pena di tenerne conto, tutte le volte che ci si trova in difficoltà : quando non riuscite a pagare una rata del mutuo, raccontate qualche barzelletta in banca, se perdete il lavoro, inventate una storiella poco edificante se riuscite a fare indignare la vostra famiglia è fatta. Presentatevi alle prossime elezioni.

Una risposta a “Battutologia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *