-90 alle elezioni europee…


european_pavillon - Image by harry_nl via Flickr

european_pavillon - Image by harry_nl via Flickr

Mancano 90 giorni alle elezioni europee, ma sarà la crisi, non mi pare sia un argomento di pressante attualità : passata la discussione sullo sbarramento al 4% (sulla cui utilità ci sarebbe da discutere – vale la pena di leggere mentecritica su questo aggiornamento del 6 marzo ) e di fronte a una sinistra in cerca di se’ stessa, sembra che le priorita’ siano ben altre. E poi a me e’ sempre sembrato che il parlamento europeo, fosse un po’ come una sorta di “clearing house” per i nostri politici (vedi Bersani, Santoro, Bonino e forse pure lo stesso Prodi).

Per contrastare questa disaffezione, non solo italiana, da Bruxelles e dintorni sono partite alcune iniziative. L’idea di Think about it , promosso dall’European Journalism Centre (EJC), è di una competizione fra blogger, per promuovere e aumentare la consapevolezza delle prossime elezioni europee:

“The focus of the competition is the European Parliament Elections 2009. EJC wants to offer a platform for journalism students, aspiring journalists and bloggers to express their views on European topics as well as to report and cover the elections.”

A gennaio sono stati invitati tre blogger per nazione (ma gli italiani non ho capito quali siano) a Bruxelles per una due giorni informativa. La gara consiste nello scrivere almeno un post al mese con riferimento alle elezioni europee: ogni mese il post piu’ votato (da chi? forse dagli stessi th!nkers? ) vince un premio. Volendo c’e’ anche la community su ning.

L’EJCT ha creato un altro sito di supporto alle elezioni, Milkshaker un aggregatore di notizie.

Molto interessante Bloggingportal.eu, da un’idea di John Worth che attraverso il meccanismo della syndication (scambio e riuso dei contenuti) cerca di dare voce all’Europa (intesa come governo europeo), attraverso i blog, senza demonizzare ma senza mitizzare.

Bloggingportal.eu is a new way to read blogs about EU affairs. We syndicate the content from more than 300 blogs about the EU in as many European languages as we can find. We then rate the posts, giving you the best summary of the analysis of the EU in the blogosphere.We don’t think the EU is a nasty conspiracy, nor do we love everything it does. […]

John Worth ha lanciato l’idea dal suo blog un mese fa, teorizzando  la piramide informativa dei blog sui temi europei, che vede alla base i blog individuali, poi i blog collettivi o multiautore, successivamente le piattaforme abilitanti come Blogactiv e infine in cima alla piramide, un “punto interrogativo” , a cui a un mese fa, rispondevano solo solo tre siti di syndication, appunto: uno in tedesco, uno a cura del partito laburista inglese ed EuroBrussels, che presenta le offerte di lavoro in enti vari a Bruxelles.

Un sito decisamente utile per capire meglio (è anche in italiano), è il portale lanciato da Cafebabel, che si chiama Eudebate2009 e che si definisce cosi’

un sito che segue la campagna elettorale europea senza alcuna militanza. Si occupa di informare e offrire una piattaforma di discussione e di espressione alla società .

EU Debate, che si avvale di un finanziamento del Parlamento europeo, riassume anche i temi della campagna elettorale: Allargamento, Discriminazione, Istruzione, Denaro, Occupazione, Ambiente, Grandi opere, Immigrazione, L’Ue nel mondo, Potere, Sicurezza, Salute.

Sono cresciuta nel mito dell’Europa Unita, e per quello vorrei che arrivassero anche cose buone dall’Europa , e non solo il maestro unico, le biblioteche a pagamento, la pensione a 65 anni per le donne…

Reblog this post [with Zemanta]