Dipende…


Lo stato della crisi in Piemonte al 19 marzo 2009: leggo su La Stampa – Senza lavoratori La strana crisi dell’artigianato

Luca Demaria è «incazzato nero». Dice proprio così, quest’uomo di 35 anni, vicepresidente nazionale dei giovani imprenditori di Confartigianato. E perché mai? «Non riesco a trovare personale. Vedo giovani che s’imbucano nei call center a 600 euro al mese e non uno che voglia imparare un mestiere». Pensare che lo spazio ci sarebbe. Anzi, c’è. Quasi 5 mila posti vacanti solo in Piemonte nelle imprese artigiane, che diventano 50 mila se si considera il resto del Paese. […]

invece sull’ANSA

Crisi: Piemonte; Artigianato, – 43, 9% fatturato, – 49% domanda
Sofferenze emergono da indagine congiunturale
(ANSA) – TORINO, 19 MAR – Gli effetti della crisi sono pesantissimi sull’artigianato piemontese: il fatturato e’ calato del 43,9%, la domanda del 49%; il 9,5% delle aziende ha ridotto il numero degli occupati e il 67,2% non effettua investimenti. Lo stato di grave sofferenza del comparto, che ha colpito indistintamente imprese con un solo addetto e aziende piu’ strutturate, e’ rivelato dall’indagine congiunturale, relativa al secondo semestre del 2008, realizzata dal Sistema informativo dell’artigianato della Regione Piemonte.(ANSA).

boh? i dati saranno emersi dallo stesso rapporto?

Reblog this post [with Zemanta]