Eurodeputati: missing in action?

Alle prossime elezioni europe, il 6 e 7 giugno, l’Italia avrà diritto a 72 parlamentari, calcolati sulla quota dei suoi abitanti. Dopo la legge sul 4%, sono in corso i soliti giochini, per blindare i risultati. Ma chi sono gli attuali parlamentari in carica e cosa hanno fatto fin’ora?
Il sito del parlamento europeo fornisce nella sezione i vostri deputati alcuni dati utili. In questo post mi limiterò ad alcune considerazioni di ordine quantitativo, basandomi sui dati presentati dal sito del parlamento europeo, sulle singole schede degli eurodeputati.
I 78 eurodeputati italiani (sui 785 totali) hanno presentato (insieme o con altri) e secondo quanto risulta dal sito del parlamento alla data del 6 marzo 2009, 4262 interrogazioni e 2007 proposte di risoluzione.
L’8 marzo è domani per cui cominciamo dalle signore: su 78 deputati, 16 sono donnne
Le due eurodeputate Roberta Angelilli e Cristiana Muscardini (entrambe di AN e iscritte al Gruppo “Unione per l’Europa delle nazioni”) hanno presentato il maggior numero di interrogazioni parlamentari, rispettivamente 582 e 404. La Zanicchi condivide con un altro “divo”, Gianni Rivera (Uniti per l’Ulivo e Non Iscritto) il primato in negativo: non hanno presentato interrogazioni, risoluzioni, relazioni…
Altre due donne hanno il primato delle Proposte di Risoluzione: Pasqualina Napolitano (Sinistra Democratica, Gruppo Socialista) ne ha firmate 398, mentre l’instancabile già citata, Muscardini, 225.
Un gruppetto di eurodeputati “abbassa la media”: tre hanno presentato solo una interrogazione, dodici non sono mai intervenuti in Assemblea plenaria. Trentotto eurodeputati non hanno mai presentato una relazione. Quarantaquattro eurodeputati non hanno mai presentato un parere.
Questi dati non hanno probabilmente un gran valore, forse andrebbero confrontati con quelli degli altri Stati Membri, però almeno c’e’ una consolazione: dalla prossima legislatura tutti gli europarlamentari avranno lo stesso stipendio, i portoghesi festeggiano il raddoppio, mentre per gli italiani, sarà una bella riduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *