#community

 

Viva i bambini Viva(ci)

Logo realizzato da...

Questa community nasce per discutere della ricerca d’attenzione da parte dei bambini e sulla necessità che genitori e insegnanti siano alleati per dare un supporto a bambini vivaci o troppo vivaci.

L’idea di avviare questa community nasce dalla lettura del libro “Attention seeking”. L’autore, il professor Nigel Mellor è uno psicologo inglese che si occupa da tempo di fornire supporto a insegnanti, genitori e bambini che hanno problemi di comportamento e ricerca d’attenzione.
Questo spazio nasce per favorire lo scambio fra insegnanti e persone che si occupano di educazione e formazione, che speriamo possa dare un supporto in un’ottica di collaborazione e ricerca.
Tutti gli interessati sono invitati a registrarsi sul sito bambinivivaci.ning.com e ad intervenire rispondendo ai post già presenti o scrivendone di nuovi, commentando il materiale segnalato e mettendo in comune materiale e link ritenuti utili e interessanti.

Da agosto 2010 ho trasferito alcuni contenuti su  questo blog visibili nella categoria [OLD] Bambinivivaci

OERItaly

La community OER Italy nasce come spazio per riflessioni, discussioni e proposte sul tema delle Open Education Resources, in Italiano Risorse Educative Aperte.
In Italia non c’è una politica per il lifelong learning, nè esistono almeno per ora politiche a sostegno della diffusione libera delle conoscenze e dei saperi.
L’idea è di partire con piccoli passi, sperando di far germogliare nuove idee.

Da agosto 2010 ho trasferito alcuni contenuti su su  questo blog visibili nella categoria [OLD]OERITALY

BiblioDueZero – Chiuso da -agosto 2010

Sul divano, in tram, in ufficio, in spiaggia si leggono cose diverse in modo diverso…Quali opportunità possono offrire le tecnologie?

BiblioDueZero è una community aperta a tutti gli appassionati di lettura e di Internet, perché come dice Calvino, “si puo’ smettere qualsiasi cosa, ma non smettere di leggere

Giornalismo Partecipativo –Cancellato da giugno 2010

Questo network intendeva raccogliere contributi e riflessioni sul giornalismo partecipativo, nel mondo ma soprattutto in Italia. –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *