Eduskill: nuovi media per nuovi modelli educativi

Nel post precedente avevo iniziato una riflessione, in preparazione della giornata del 14 aprile per #eduskill, in cui sono stata invitata con Domenico Chiesa, presidente nazionale del Cidi, Pier Cesare Rivoltella, docente dell’Università Cattolica di Milano e Carlo Infante a parlare di nuovi media, modelli educativi e cittadinanza digitale.

Domenico Chiesa ha detto giustamente che non basta il pc nello zainetto per cambiare la scuola, che la scuola si cambia dal di dentro  e che bisognerebbe smetterla di difendere un lumino spento. Carlo Infante ha sottolineato che il web 20 è un “update antropologico” e con le tecnologie mobili si e’ aperta l’epoca del “performing media” con un nuovo uso del corpo.  Ha proposto anche un “baratto” competenze/conoscenze fra gli allievi e gli insegnanti.

Pier Cesare Rivoltella ha articolato il proprio intervento su 3 punti: il mito del “nativo digitale” come alibi per gli adulti, che sarebbe a dire “se non li capiamo é perché sono diversi da noi” e soprattutto ha insistito sul fatto che non esistono mutazioni genetiche nel cervello dei cosiddetti nativi (GRAZIE!); il secondo punto ha sottolineato come i new media sono ormai parte della nostra vita, attraverso i media indossabili e siamo assistendo ad un “riposizionamento sociale e concettuale” dei nuovi media – che ormai non sono più né strumenti né ambienti, ma costituiscono un vero e proprio tessuto connettivo; infine ha affrontato il tema della media education dicendo che c’e’ una stasi, che non si discute più di analisi di forme testuali e della nuova etica che riguarda i nuovi consum-attori.

Pensavo di parlare di “moral panic” in connessione con l’uso della rete, ma grazie alle sollecitazioni degli interventi che mi hanno preceduto ho modificato un po’ il mio contributo.

Rispetto al tema “un pc nello zainetto”  anche se sono daccordo che le tecnologie da sole non cambiano la scuola è innegabile che la “vision” di Negroponte con il suo progetto di dare un pc a ogni bambino ha avuto conseguenze sia sull’educazione, sia sul mercato dei PC/netbook/tablet. E’ altrettanto innegabile che secondo  Negroponte i bambini non hanno bisogno di maestri e questo lo racconta da un po’ anche Sugata Mitra con il suo progetto “Buco nel muro”  un concetto che se i Pink Floyd sostenevano gia’ negli anni 70, non e’ facile da mandare giù.

E’ di questi giorni la notizia che dai primi dati, l’OLPC non ha prodotto risultati apprezzabili sul piano dell’apprendimento: ma con una lettura un po’ più approfondita, si scopre che il report  della Inter-American Development Bank (IDB) rivela anche un aumento delle capacità cognitive. Forse bisognerebbe imparare a scrivere meglio gli articoli e anche a fare le valutazioni.

Sul tema dell’uso dei media, mi è sembrato utile sottolineare come il video stia  rivoluzionando il sistema dell’educazione: forse il modello della Khan Academy non è destinato a restare nei secoli ma di sicuro un bel po’ di fermento lo sta portando nel mondo dell’educazione: e se la pedagogia di Freire aveva già teorizzato l’insegnante come motivarore/facilitatore, la flipped classroom è qualcosa che si affaccia sul mondo dove gli insegnanti sono tanti e diversi fra loro.

Infine un discorso sui contenuti che vengono insegnati a scuola con particolare riferimento all’informatica: è necessario dare supporto e formazione nella scuola perche’ si abbandoni il modello addestrativo e si renda possibile un insegnamento che privilegi il coinvolgimento e la creatività. Oggi questo è possibile grazie all’esistenza di componenti hardware a basso costo come Arduino e linguaggi visuali come Scratch anche un bambino può costruire piccoli robot, giochi che reagiscono a determinate sollecitazione, realizzare videogiochi o cartoni animati. Con CSP Dschola è stato  avviato un percorso da alcuni anni che riunisce tutte queste sperimentazioni: eticommunity  e dscholatv, “progetto olpc “, “un pc per ogni bambino“, “scuola digitale in piemonte”,arduino a scuola”,   fino alle ultime iniziative come il workshop Medea sull‘Uso e riuso del video nell’educaizione”  e ll‘Italian Scratch Festival che si chiuderà  il 19 maggio 2012.

Molto interessanti le domande del pubblico, che hanno sollevato temi importanti come quello della qualita’ dell’informazione, della memoria e dell’oblio, del ruolo delle famiglie, della televisione come media imprescindibile..  per chi non c’era ci sono le sintesi video qui per una sintesi efficace della mattina c’e’ lo storify qui

Peccato non aver potuto partecipare alle altre iniziative in programma come le walk talk: complimenti ad Acmos  e Urban experience, Performing Media

 

Arduino Day

Arduino Day, roma 14 aprile Si è svolto a Roma il 14 aprile, l’Arduino Day, organizzato dall’Associazion Discienza. Dopo il convegno del 26 ottobre a Torino organizzato da Dschola e Arduino con il supporto di CSP e DocAbout, i ragazzi di DiScienza hanno pensato di riproporre un evento simile a Roma per far conoscere le potenzialità di Arduino anche alle scuole del Lazio.

Complimenti davvero a Leonardo Di Cosmo e Paolo De Gasperis per l’organizzazione dell’evento, che è stata l’occasione per conoscere più da vicino le persone che stanno dietro a esperienze importanti come la RoboCup, la Scuola di Robotica, il VittoriLab. Sul sito Discienza foto, video e commenti della giornata. Su Slideshare la mia presentazione

Se Arduino e la scuola sono temi di interesse non prendete impegni per il prossimo 19 maggio…

Arduino e l’informatica-fai-da-te a scuola

oscilloscopio con ArduinoArduino è un microprocessore, che ha la caratteristica abbastanza rara di aver applicato i principi dell’open source software anche all’hardware: infatti è possibile costruire un microprocessore arduino, copiandone i progetti senza violare alcun copyright.

L’approccio scelto dai suoi creatori, ha reso Arduino un patrimonio del mondo e la comunità di sperimentatori e utilizzatori è internazionale e molto attiva. Essendo nato come progetto per i creativi le applicazioni sono tantissime e soprattutto accessibili anche a chi non ha particolari competenze informatiche.

Il costo contenuto e l’elevata versalità , oltre alla disponibilità di un sistema di programmazione molto semplice (Processing), rende questa sistema particolarmente adatto alla didattica, in particolare ad una didattica basata sull’imparare facendo e basata sulla ricerca.

Martedi 26 ottobre dalle 14 alle 17.30 presso l’ist. Majorana di Grugliasco (Torino), grazie alla buona volontà di un po’ di persone, ci sarà il primo incontro sull’informatica fai-da-te a scuola.

L’incontro è aperto a tutti ma rivolto a insegnanti e studenti con l’obiettivo di divulgare l’idea che chiunque possa imparare a programmare un semplice circuito che controlla dei sensori..ma non solo. Sempre di più gli oggetti sapranno comunicare fra di loro, senza la supervisione umana: che implicazioni avranno queste applicazioni? Per questo è necessario affiancare alle conoscenze tecnologiche anche l’approfondimento di questioni etiche sempre più urgenti.

Maggiori informazioni sulla pagina dell’evento.

Il workshop è gratuito e sarà trasmesso in streaming su Internet, ma è necessario prenotarsi

Crowdfunding, giornalismo, librerie online, open education

Ho avuto un paio di settimane molto intense: dopo il barcamp di Genova, l’11 maggio sono stata al festival delle libertà digitali per i 5 anni di Wikimedia ho incontrato face-to-face Frieda Brioschi, organizzatrice e anima dell’evento insieme a Cristian Consonni (le loro età sommate fanno meno di 50 anni) Alberto D’Ottavi, Nicola Mattina, Livia Iacolare: presenze familiari con le loro iconcine sul mio twitter e che ora hanno acquisito una fisicità in 3D. Alberto ha presentato Blomming, una piattaforma per gli artigiani del terzo millennio che potranno vendere i propri manufatti in rete con una modalità molto semplice, Nicola ha presentato StartUpCloud, un progetto di mentoring per i giovani startupper, mentre Monica Rossi ha presentato Storie Digitali.

Molto efficace anche la presentazione di OilProject, un progetto che e’ gia arrivato a 5 anni di vita e che è stato in grado di reinventarsi sempre nuove forme per raggiungere un pubblico più vasto: insieme a Nicola Aliprandi, che ha colto l’occasione per presentare “Matematica C3”, pubblicato da Matematicamente.it, codice ISBN 978-88-96354-04-9 con licenza creative commons (costa 5 euro e può essere adottato come libro di testo secondo le recenti normative ministeriali), abbiamo avuto l’opportunità di vedere due grandi progetti di open education, realizzati grazie al volontariato.

Frieda mi ha dato l’opportunità di presentare Youcapital e siccome c’era anche l’intervento di GlobalVoices in Italiano, ho avuto il piacere di reincontrare Stefano Ignone e Maria Grazia Pozzi, autorevoli colleghi di traduzione volontaria.

Con l’avvio del Salone del libro, si sono concretizzate le tavole rotonde lungamente preparate, grazie al supporto della Regione Piemonte e dell’impareggiabile Augusta Giovannoli, sul tema Open Education e Community di lettori, all’interno del programma intitolato “Il futuro delle idee”. Il 13 naggio, dopo l’ottimo intervento di apertura di Juan Carlos de Martin del Centro Nexa, che vede nell’ethos dell’educatore le premesse per la libera circolazione della conoscenza, Rosanna de Rosa dell’Universita’ Federico II, ha presentato Federica ed è stata assediata da molte domande legate soprattutto al modello organizzativo che sta dietro al successo del progetto di web learning. Vale la pesa di ricordare che De Rosa sostiene che nella didattica il contesto e’ fondamentale: insomma Context is the king e che quindi la presunta riusabilità dei materiali sia tutta da verificare. Cecilia Cognigni delle Biblioteche Civiche di Torino ha sottolineato come la disponibilità di risorse educative online liberamente accessibili e provenienti da fonti autorevoli possa essere di grande aiuto alle tante inziative di formazione continua sostenute appunto dalle biblioteche. Federico Morando, sempre di Nexa, ha poi fornito alcune indicazioni più approfondite sulle licenze Creative Commons. Se riuscite a superare l’ilarità dovuta alla mia faccia (pensavo di non essere ripresa) qui c’e’ una mia intervista a cura di wipie-tv sul tema open educaiton

Il salone è stata anche l’occasione di fare la conoscenza di Davide Gomba, Stefano Moriggi, Giorgio Olivero di Todo e Massimo Banzi. Quest’ultimo è uno degli inventori di Arduino, “una piattaforma di prototipazione elettronica open-source che si basa su hardware e software flessibili e facili da usare. È stata creata per artisti, designer, hobbisti e chiunque sia interessato a create oggetti o ambienti interattivi” nato per scopi didattici e oggi un successo su scala mondiale, grazie alla facilità della piattaforma di programmazione (per farsi un’idea delle potenzialità didattiche, vale la pena di leggere questo post e vedere il video, realizzati da una ex allieva di Banzi).

La tavola rotonda sulle community di lettori, il 15 maggio è stata animata dalla presenza di Tim Spalding, in arrivo dal Maine -US, che grazie al valido supporto della traduttrice, ha spiegato con grande simpatia di come in Italia, Librarything abbia una presenza marginale, nonostante a livello mondiale sia una delle piattaforme di social cataloguing più diffusa con più di 55 milioni di titoli e 11 milioni di utenti. Barbara Sgarzi ha presentato Anobii e il libro “Il Tarlo della lettura” che riporta alla carta ciò che è stato creato in rete, ovvero le recensioni dei libri fatte a cura dei lettori e non dei “critici letterari”. Gino Mattiuzzo di Google Libri ha parlato di Google Edition, prossima iniziativa che appare soprattutto commerciale e poco o nulla legata a discorsi di tipo social e infine Emanuele Zippilli con Bookerang, unica esperienza italiana che tenta di creare un circolo virtuoso fra il web e le librerie – dal “click” al “brick”. Spalding ha più volte sostenuto che se gli ebook avranno successo, assisteremo alla fine delle librerie, dando inoltre evidenza alla sua passione per le biblioteche. Qui l’intervista a Tim Spalding a cura di Wipie TV

Come non citare anche l’incontro all’interno dell’iniziativa Laboratorio Europa promosso dal Corso di Comunicazione Pubblica e Politica, con Raffaella de Marte, responsabile della presenza italiana del Parlamento Europeo in rete, nonché deux-ex machina della relativa pagina facebook: non è facile superare burocratismi per arrivare ad usare questi media, eppure ce l’hanno fatta. Molto carini i video virali (There’s always time to vote 123) e low budget di promozione per il voto delle passate elezioni, che in Italia non sono arrivati grazie al niet del nostro governo che non li ha considerati adeguati.

Per concludere, grazie a Fabio Malagnino, venerdi 21 maggio ho avuto l’emozione della diretta radio, per parlare nuovamente di Youcapital e di editoria nella trasmissione Senza Rete a cura di Gianluca Gobbi e Fabio Malagnino con la regia di Roby Vaio che va in onda il venerdi’ dalle 13 alle 14 su Radioflash (qui ci sono le … prove). La radio mi piace e la ascolto tutte le volte che posso e stare per una volta dall’altra parte dell’altoparlante è stato molto divertente…

E domani al TOSM si va in onda con il nuovo sito CSP e la nuova TV… è quasi ora di andare in vacanza!!!