{:it}Parla come mangi, scrivi come parli{:}{:gb}Italian{:}

Dopo circa 20 anni sono ritornata ad occuparmi (anche) di comunicazione nella Pubblica Amministrazione. Alla fine degli anni 90, avevo realizzato il sito della Regione Piemonte che allora conteneva solo l’Assessorato alla Cultura e all’Agricoltura e collaborato con la redazione web della Città di Torino. Anni di grandi aspettative riposte nella comunicazione digitale e soprattutto nel dialogo fra la PA e i cittadini. Il nuovo rapporto cittadini – PA, passava anche dalla semplificazione del linguaggio: Sabino Cassese apriva la strada con il suo manuale di stile.

Molte cose sono cambiate, non tanto nella PA, ma nel modo in cui ci informiamo e – soprattutto – leggiamo. Le notizie si leggono sul cellulare mentre andiamo al lavoro, possibilmente da facebook (per le fasce di popolazione piu’ matura) ed eventualemente approfondite sui quotidiani online (che online mettono articoli semplificati): consumiamo le informazioni per condividerle. Quando interagiamo con la PA significa che abbiamo un problema da risolvere o un bisogno da soddisfare.

Come si fa a scrivere per il lettore che non legge, saltella, ricerca e condivide? Ce lo spiegano Giacomo Mason e Piero Zilio nel volume “La comunicazione digitale per la PA – Scrivere testi efficaci in siti, app e social network della pubblica amministrazione”. Un ottimo manuale che partendo dagli elementi di base di una pagina web – l’occupazione degli spazi, i font, il paratesto dedica vari capitoli alla scrittura, a come rendere il testo visivamente leggibile, a come strutturare i concetti per facilitare la comprensione, al tono e anche allo stile. Consigli utili anche per adeguare la comunicazione alle peculiarita’ delle piattaforme social fino alla costruzione delle infografiche e con un occhio all’accessibilità. Anche se ci sono vari testi e vari autori e autrici italiani e non (Postai, Carrada, Falcinelli, Norman ) che sono compagni di viaggio di chi si occupa di scrittura e comunicazione, questo libro è un buon manuale, ben strutturato e usabile, che lascia trasparire la lunga esperienza sul campo degli autori.

[:it]Il tempo è tiranno..[:]

[:it]Riprendo l’articolo di Umberto Santucci su Apogeonline, Detto questo, come dire, in cui invita ad indagare sull’inquinamento comunicativo che si trasmette via blog/tv, per proporre il mio personale elenco di espressioni inquinanti da convegno/seminario/riunione… in ordine di apparizione:

un certo tipo di discorso
mi pemetta il termine
mi spiego meglio
voglio dire
questa questione e’ importante
e quant’altro (onnipresente)
il tempo è tiranno
grazie per avermi fatto questa domanda
a 360 gradi
interessante opportunitÃ
e compagnia cantante
siamo alla stretta finale

[:]