Education in diversity

School is structurally a place of inequality: while European classrooms are increasingly diverse, the teacher population remains largely homogeneous and often lacking awareness about their own stereotypes and the multidimensional diversity of their students

One of Europe‘s characteristics is the concept of diversity: there are 7000 languages ​​spoken in the world, of which 225 in Europe, and of these 60 are minority languages, but this diversification is further increasing. Currently, 4% of the total EU population is made up of third-country nationals and population projections predict that by 2050 it will be around 20-40%: as early as 2020, 25% of students will have a migrant background.

Migration and globalization are causing social changes that create new opportunities and challenges for educational institutions. The growing number of refugees, asylum seekers and migrant children lead schools and teachers to reinvent daily practices and strategies to respond to new learning needs.

According to OECD PISA data, students who have a history of first and second generation migration have worse school outcomes than their peers, a disadvantage also shared by historical ethnic and linguistic minorities from disadvantaged socio-economic backgrounds: language problems and monocultural programs, can bring these students to drop out from school.  The kids who cannot acquire knowledge and skills today, will be marginalized workers that will probably feed the so-called gig-economy tomorrow.

According to the “Preparing Teachers for Diversity” study, the school is structurally a place of inequality: while European classrooms are increasingly diverse, the teacher population remains largely homogeneous and often lacking awareness about their own stereotypes and the multidimensional diversity of their students: stereotypes that create negative attitudes towards students with a different linguistic, cultural and religious background, as well as nurturing lower expectations, up to adopting discriminatory methods towards them.

To meet these challenges it is necessary that education systems across Europe provide teachers with intercultural skills, to value and adapt to diversity and to be culturally self-aware, and communication skills to increase the ability to reflect on their beliefs and differences. In addition, to overcome the language barriers of their students, teachers should be prepared for the language learning process and generally adopt inclusive instead of compensatory teaching approaches.

A contribution for teacher education to diversity comes from the Erasmus + Teaching in Diversity project. The partners, experts in minority rights, diversity, linguistic minorities, teaching strategy planning and media education, first identified the contents and then, designed the training, provided in pilot courses in the various countries of origin.  Starting from this field test, the online version of the course, freely accessible on the project website, was created.

The online course consists of six modules:

  1. diversity management at school,
  2. minority rights,
  3. non-discrimination and equality,
  4. linguistic diversity,
  5. religious diversity,
  6. hate speech.

These topics are defined and set out. The regulatory framework, as well as some good practices and verification quizzes are indicated. The course has been integrated with a guide available in multiple languages – including Italian – and other materials.

The recent European Recommendation on Education of May 22, 2018 recalls common values ​​and respect for human and minority rights to contrast populism, xenophobia, discrimination and radicalization and before listing the “key competences”, recalls the need “to guarantee real equality of access to inclusive and quality education for all learners, including those from migrant backgrounds, or from disadvantaged socio-economic backgrounds, those with special needs and those with disabilities [..] as an essential element to attain a more cohesive society”.  

School is the hope of society, that hope which, as St. Augustine says, “has two beautiful children: indignation and courage. Indignation for the reality of things; the courage to change them”

When the elevator is not there

Does school have as its goal the preservation of existing social relationships or inclusion and access to knowledge to “work out” full citizenship?

School, with all its flaws, is one of the last occasions for social aggregation: the obligation to attend until the age of 16 does not allow families to exercise the choice not to have their children study.  Sending a child to school has a cost for families, but is an investment that is made, sometimes with great sacrifice, to give children more opportunities than those that the parents have had: having a qualification is necessary to access quality and well-paid jobs, and consequently a better social position. Unfortunately, in most cases this does not happen and school is put on trial, an apparatus modeled to meet the needs of the agricultural and industrial society that no longer exists, Norberto Bottani wrote in 2013.

But has this social elevator ever really worked? Or rather, does school have as its goal the preservation of existing social relationships, limiting itself to being a tool for assimilation of norms for the purposes of controlling the population?

In his book “La Maestra e la Camorrista” (The teacher and the Camorrist), Federico Fubini tells us another version of the story: starting from a research study conducted by the Bank of Italy that shows how in six centuries, the distribution of income in Florence has not changed, and they come to the conclusion that “when the social elevator freezes in a semi-permanent ice age – eople stop believing in it.”  And people stop believing in others, they lose trust, because the game ialways adds to zero: every advancement is always at the expense of another. Fubini tells us that he interviewed dozens of teenagers from the south and north of Italy, asking how much they were willing to “trust others” and came to the conclusion that “success nourishes trust and the ability to trust nourishes success” and that “The lack of trust in what surrounds us turns into a subtle poison that helps paralyze the social elevator in Italy. ” He then continues his account on how he tried to undermine this distrust by making students of the Mondragone in Caserta school meet people who, having started from diffivult situations, have had excellent results.

“I learned about school being the last barrier to degradation at the conference organized by the European Parents Association whose theme was inclusion: I had the opportunity to meet Eugenia Carfora, the Principal of the Morano School at Caivano, a town located 10 km from Naples. She told of her failures and her successes in being able to give a clean and equipped school to her students, and how every day is like living in the trenches, struggling even with mothers who come to physical threats: her story is told in this video. There was also Sara Ferraioli of Maestri di Strada (Street Teachers), who explained how their work lies in creating relationships, with the kids, with the teachers and with the “social parents”, volunteers who play the role of parents without being such.

Inclusion also entails access to digital technologies, provided that they are not used superficially, but stimulate critical thinking and passion for discovery and learning. GIn the discussion on the digital divide with parents across Europe it seems that the issues are common: little infrastructure and little use in the classroom, and if someone believes that the Government should not promote the use of smartphones in the classroom, others consider it now the equivalent of the pen and the notebook.

Inclusive growth requires the advancement of science and technology to be directed by a purpose, to avoid the risk of widening injustice, social fragmentation and depletion of resources: this aim is individual and collective well-being. The OECD agenda  indicates, as the goal of education, providing knowledge, skills, attitudes and values ​​to make people able to contribute and to enjoy an inclusive and sustainable future. To achieve this goal, three new “transformative skills” have been identified, defined as the creation of new value, reconciliation of tensions and dilemmas, and assumption of responsibility.   Translating the “transformative skills” into the curriculum requires the participation of the entire educational ecosystem: students, teachers, principals, parents, decision makers, researchers, trade unions, social and commercial actors are involved in a co-creation process to define the guidelines of new educational systems.

New educational systems that allow us to face the uncertainty and unpredictability of the future, but where hope and trust in others seem even more indispensable.

 DIGITAL EDUCATION – Un nuovo paradigma per le sfide di domani

Venerdi 13 aprile 2018  all’interno del convegno Digital Education dell’Università di Torino, si svolgera il workshop  “Startup Digi Educative” 

A due anni della prima edizione del convegno promosso da Cinedumeia, ci sara’ ancha la seconda edizione del workshop con startup che operano nel campo dell’ educazione e della comunicazione.

Nel 2016 abbiamo dialogato con Paolo Giovine di  PubCoder,  Antonio de Marco di Naboomboo e  Andrea Bolioli di Cross Library.

Nell’edizione 2018 sono stati invitati:  Edoardo Montenegro di Betwyll, MArco Iannacone di Tabletascuola.net, Sonia China di Tinkidoo, Alessio Neri di Fare Media Digitali, Pier Luigi Vona di Fablabforkids e Barbara D’amico di Viz&Chips.

Continue reading ” DIGITAL EDUCATION – Un nuovo paradigma per le sfide di domani”

Summer is the time for STEM

Minecraft, Robotics, Digital Fabrication, Videogames, Scratch, Digital Storytelling, Graphic and Web Design: summer camps provide an opportunity to express creativity, acquire skills and develop new digital awareness. Science, Technology, Engineering, Mathematics as well as Art and Reading: STEM or STEAM or STREAM are synonymous with technological innovation. Parents want for their children an education that guarantees them the best future, and given the fact that not all schools are well equipped for STEM, summer camps provide a great opportunity to combine fun and learning. All around the world, there are plenty of different types of solutions with mother tongue and English courses, with meals and overnight stays included, near the sea or in the mountains. Costs vary a lot, but for parents who have planned ahead, there are lots of different choices. After the holidays, many of these schools will continue to offer courses all year round both during school hours or in an after-school setting. In Italy, the most successful experience is H-campus, which this summer offers 128 different laboratories in Italian and English. In Reggio Emilia, ragazzedigitali offers code-specific courses for girls while MondoDigitale has organised a week in Sicily to build collaborative robots and reflect on the fight against the mafia. TribuDigitali in Puglia offers a weekly coding and storytelling course organised on a camp site. To-Science is an itinerant lab on science, nature and technology and in Eleonora Pantò Media & Learning News July 2017 Published by the Media & Learning Association Florence it’s possible to work on 3D modeling and robotics. Brick4kids offers courses around the world to Lego lovers and in Turin has chosen to set them in a small airport where the kids can talk to the pilots and visit the control tower. There are plenty of opportunities in other parts of Europe. In Portugal, for example, the Estudios de Fatima Center organises the Summer Code Camp with projects based on the use of Raspberry, while Digitalswitzerland with its nextgeneration program offers coding, robotic and entrepreneurial courses. Digipen offers art, animation and sound design courses from Bilbao to Singapore. Students taking part in ConMasFuturo in Madrid learn to build amphibious vehicles with Arduino, videogames with Unity and also how to design a smart home with IoT. Learning STEM during a summer course is undoubtedly useful but probably not enough. The pupils who start to go to school today will have a 100-year-long life expectancy and the prospect of retiring at 80. They will have at least two to three different careers in their lives: they must be prepared to face this kind of challenge, since it is very difficult to predict today how work will change in 10 or 20 years. The most interesting courses should immerse the kids in the lives of people around them and allow them to design ways to make life better for everyone, developing the passion to look for the unexpected and to find ways to overcome the impossible. Are the summer digital camps an opportunity to reinvent school or learning? What is your experience? What do you expect from STEM courses as parents, teachers or students? Share your thoughts with us at eleonora.panto@gmail.com

#TIMGirlsHackathon, inventrici di app

#TIMGirlsHackathon, una maratona sulla programmazione al femminile.

Il 15 gennaio si è svolta in 4 città italiane  – Torino, Venezia, Catania e Napoli – la seconda edizione della   #TIMGirlsHackathon. La prima si era svolta a novembre a Milano, Roma e Bologna.
L’evento promosso da TIM in collaborazione con Codemotion, ha l’obiettivo di avvicinare le ragazze al “coding” e contribuire a ridurre il gap digitale,  utilizzando la modalità dell’hackathon   che sta per hacker marathon, ovvero una no-stop di sviluppo software a squadre.
Utilizzando  App Inventor, un ambiente di sviluppo software creato dal  MIT, è possibile anche per chi non ha particolari competenze informatiche, sviluppare semplici applicazioni da usufruire su piattaforme mobili.
Nell’arco di 7 ore le ragazze che si sono iscritte alla maratona, hanno imparato i rudimenti di app inventor  – con il supporto dei mentor messi a disposizione da CodeMotion – per sviluppare un’app che promuovesse l’uso consapevole del web e il contrasto al cyberbullismo.2016-01-15 16.18.03

Eleonora Pantò, componente del Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino e membro della  giuria di Torino, ha assistito alla presentazione  dei lavori da parte delle 13 squadre, tutte intitolate ad una Musa della Matematica (si consiglia al riguardo l’interessante applicazione Muse della MIST ,  di Adriano Parracciani), per un totale di circa 70 ragazze.
Quasi tutte le app sviluppate erano orientate  a supportare le vittime, attraverso la possibilità di condividere storie  fra pari;  qualcuno ha  previsto l’intervento di soggetti esterni fornendo i  riferimenti;  una app prevedeva anche la possiblità di coinvolgere il   potenziale aggressore per farlo riflettere su quanto stava accadendo. Tutte le app prevedevano anche contenuti informativi: le ragazze erano preparate sul tema e anche emotivamente coinvolte nel raccontare casi di cui erano a conoscenza.
La conoscenza e la riconoscibilità di certi comportamenti abusanti è sicuramente un primo passo per  difendersi, ma il messaggio che si è cercato di trasmettere è che i giovani  – e in questo caso specifico, le ragazze  – devono trovare o ri-trovare, la propria autostima,   senza timore di farsi avanti,  né di  dover raccontare qualche fallimento.
E’ importante che eventi come questo si moltiplichino, affinché  le ragazze non rinuncino a capire “come funziona” o   pensino  “non fa per me”. Il futuro non può perdersi il loro contributo.

(pubblicato su http://www.csigivreatorino.it/)

Imparare con i MOOC, come scegliere quelli giusti

C’e’ un filo che parte  dalla condivisione dei materiali educativi (oer), passa attraverso i corsi aperti online (opencourseware) e arriva fino ai  MOOC. MOOC significa Massive Open Online Course – Corsi Aperti Online Massivi offerti molto spesso da grandi e prestigiose Università in modo gratuito.

I primi esperimenti di corsi online aperti e con grandi numeri di iscritti risalgono al 2008 (#cck08)  ed erano focalizzati sulle interazioni online fra gli studenti. Uno degli aspetti interessanti stava nell’esplorazione di modelli per educazione online basati su percorsi multipli, non predefiniti. La potenzialità del video in rete,  grazie alla riduzione dei costi per la produzione e la facilità con cui è possibile accederli e condividerli, ha dato vita alla Khan Academy e alla  flipped classroom (classi capovolte) e al moltiplicarsi in rete di video-lezioni universitarie.

Il modello del MOOC non è quello dell’Università telematica, che ripropone l’organizzazione universitaria, con le iscrizioni alle diverse annualità, i corsi, gli esami, i crediti.  Con i MOOC lo studente ha la possibilità  di accedere ad un’offerta a buffet,  all-you-can-learn, in cui i corsi sono a disposizoine gratuitamente, non ci sono prerequisiti per accedere, non si paga nulla, e i contenuti sono di qualità, a volte anche eccellente.  Una barriera per l’accesso ai corsi, che presuppone comunque disporre di un minimo di competenze digitali, un pc e una connessione a banda larga, può essere quella linguistica, perché la maggior parte dell’offerta è in inglese.  Un’altra barriera  è che bisogna avere acquisito un metodo per imparare: se non si è capaci di autorganizzarsi, spesso non si arriva alla fine del corso. Ma soprattutto di fronte ad un’offerta molto ampia,  come scegliere quali corsi seguire? L’offerta è veramente smisurata e poco sistematizzata, e  nessuno  insegna ai propri studenti (ad eccezione degli amici Inquieti) come avvalersi questa opportunità, che può essere integrativa della propria offerta.

In questo post vorrei focalizzarmi proprio su questo tema, come scegliere un mooc  -o meglio- è possibile per uno studente autocostruirsi un percorso di studio coerente?

E’ stCBsOY7LW4AE9Mhsato molto interessante partecipare al primo #Moochour – una twitter chat che si è svolta il 14 aprile (qui lo storify). organizzata da @impactioneers che aveva come ospite Laurie Pickar, che si è inventata il No-Pay MBA.

Laurie ha deciso di autocostruirsi un percorso equivalente ad un Master in Business Admistration, iscrivendosi a MOOC promossi da Università di altissimo livello: la sua storia è raccontata qui  Laurie Pickard, americana e laureata, attualmente vive in  Uganda, per motivi famigliari. Ha documentato il suo progetto sul suo blog No-Pay MBA e ora ha deciso di mettere a frutto la sua esperienza offrendo un servizio analogo, attraverso il No-Pay-MBA 2.0, che però dice non sarà completamente gratuito.  Laura dichiara ch quando ha lanciato l’idea. in 5 giorni ha ricevuto 50 adesioni, dopo un articolo su Fortune ha avuto 1200 pre-registrati.

Durante il #moochour, sono state fatte 5 domande- la prima e’ stata

Qual è il valore dei Mooc per te?  – a cui è stato risposto, impare quello che mi piace, la convenienza, la flessibilità, la possibilità di essere aggiornati senza dover andare fisicamente in università, la curiosità

e poi:

Quale Mooc consiglieresti ad un amico?  C’è stato un Mooc che ha innescato un cambiamento nella tua vita e come? Come hai scelto di iscriverti a un MOOC? Quale sarà il prossimo passo dei MOOC?

Ognuna di queste domande ha avuto risposte interessanti basate sulle esperienze dei partecipanti, che hanno modificato strategie aziendali o si sono inventati nuovi progetti (come Laurie per altro). Interessante il tema che per Laurie il prossimo passo dei MOOC sarà quando le aziende cominceranno ad usarli per assumere le persone (un articolo francese dice che i recruiter considerano positivamente la partecipazione ai MOOC, perché indica curiosità e interesse, e io aggiungerei capacità di autorganizzarsi, proattività e ottima gestione del tempo). Un altro aspetto sarà il valore della laurea che potrebbe essere messo in discussione

La mia domanda è stata su come riconoscere un mooc di qualità e la risposta inaspettata: dalla qualità dei compiti assegnati, in controtendenza rispetto all’idea che sia il grande docente “VIP” a fare un MOOC di qualità. Altro aspetto fondamentale è stato il passaparola, la valutazione di amici e di altri pareri: di nuovo non sembra determinante la reputazione dell’Università che li eroga.

Un aspetto interessante è stato quello delle piattaforme: oltre ai soliti noti, Coursera, Udemy ecc sono state citate due piattaforme che non conoscevo, specializzate per sviluppatori software.  Una si chiama  The odinproject e l’altra  bloc.io  – the worl’s largest online bootcamp  Bloc.io offre corsi immersivi di media durata con veri tutor che ti seguono, non è gratuita ma invito tutti a visitare la pagina in cui confronta diversi sistemi di online learning in ambito web. I sistemi vengono rappresentati come parte di una galassia, e i corsi offerti  confrontati per durata, costo, per un indicatore di 500 ore di esperienza che considerano il minimo secondo la tesi per cui ci vogliono 10000 ore per acquisire davvero una competenza (cfr. Outliers, M. Gladwell), il costo che si paga per ora (nel caso i corsi abbiano una durata prestabilita) e infine una classificazione per profilo, ovvero sei hobbysta, professional o alla ricerca di un lavoro? La pagina è questa –

In un’ora di #moochour ho imparato che i #mooc potrebbero rappresentare il prossimo caso di “economia degli asset dormienti” grazie a persone come Laurie Pickard, che i #mooc non cambieranno le università ma cambieranno gli studenti, che avranno un impatto sul mercato del lavoro e che  l’Europa deve cambiare passo.

Tanto materiale su cui riflettere anche per noi di @Eumoocs 

* Titolo della foto: Massive Young Stars Trigger Stellar Birth, from NASA Multimedia Page. by @Temari09 

Coding & gadgeting

La BBC ha annunciato la sua nuova iniziativa Make it digital: un milione di schedine programmabili per ogni ragazzo che frequenta l’equivalente della nostra prima media, 5000 corsi per giovani disoccupati, un’intera stagione di programmi radio e tv dedicati al digitale, una partnership con 50 organizzazioni che si occupano di promuovere il “coding” (l’insegnamento dei rudimenti della programmazione) e una serie di eventi specifici e dedicati alle scuole.

In Italia mi pare ne abbia parlato solo Punto Informatico.

Confesso che l’idea di una grande iniziativa di alfabetizzazione digitale mi era subito parsa molto interessante, soprattutto in questa parte d’Europa, dove siamo negli  ultimi posti in tutte le classifiche che riguardano il digitale, a causa di infrastrutture carenti e competenze scarse.

Al massimo noi avremmo potuto fare una serie tv intitolata “Digitale da incubo”,  sulla falsa riga delle “cucine da incubo”: già me lo vedo il tecnico che scopre la scuola che paga tre contratti ADSL e non lo sa ma  ha  il laboratorio che  non funziona e la LIM scollegata.

Va detto che da noi ci stiamo impegando ocon la faccenda del coding nelle scuole: siamo stati il paese che ha aderito con più entusiasmo alla “Hour of Code” europea, tanto che qualcuno comincia a chiedersi se non stiamo esagerando.

E’ davvero necessario che tutti diventiamo programmatori?  In inglese si sono  parole diverse per indicare mestieri diversi, il programmer e il coder: il programmer sta al coder, come il designer sta all’artista di produzione. Il programmer o analista e’ quello che analizza il problema e astrae la soluzione, mentre il coder e’ quello che realizza il codice sul computer, sulla base delle specifiche date dal programmer.   In effetti quello che a scuola si dovrebbe insegnare è il “computational thinking” ovvero la capacità di formulare un problema e trovare una soluzione praticabile da un computer o da una persona.

Detto questo non sottovaluterei  l’idea che tutti diventiamo capaci di scrivere due righe di coding: non aspiriamo ad essere matematici, ma una minima dimestichezza con i numeri ci aiuta nella vita quotidiana (tralascio che al mercato alla domanda “perché mettete il prezzo all’etto e al chilo?” la risposta e’ stata “la gente non sa farsi il conto”), cosi’ ad esempio esistono già  sistemi di controllo per la casa che utilizzano interfacce di programmazione  “scratch like” (cioè che usano la stessa logica del linguaggio Scratch).

Quello che vale la pena di segnalare è che la lodevole iniziativa della BBC ha già  sollevato qualche dubbio. Donald Clark commenta a suo modo Make it digital: la considera un’iniziativa di marketing, per rilanciare la TV fra i giovani, denuncia che  la schedina Microbit che verrà donata agli studentiè  una schifezza, che Raspberry è inadatto all’apprendimento e che in futuro non serviranno programmatori, ma project manager e addetti alle vendite.  Ma di sicuro questa parte è assolutamente condivisibile:

Have we learnt nothing about launching gadgetry in education? How many reports do we need that stress teacher training, support and proper planning? What teachers don’t need, is yet another poorly planned, alien-looking gadget, parachuted into schools and classrooms, hard on the heels of the last one, the Raspberry Pi, with no real training

Quindi alla fine si converge sempre li: per far funzionare le cose a scuola, serve prima di tutto la formazione degli insegnanti. Il resto è junkware.

Scuola, tablet e Jarabe De Palo

IMG_0235Oggi in metro, ho letto un articolo che mi e’ piaciuto molto: tema è  l’1:1 computing, ovvero il fatto che ogni bambino abbia un suo dispositivo (pc, netbook, tablet) a scuola.

L’articolo comincia con un errore: dice sono 20 che se ne parla, perché i primi esperimenti sono del 1985. Quindi in realta’ sono TRENTA ANNI che se ne parla, ma evidentemente anche all’autore pareva eccessivo. Il primo progetto di 1:1 computing era di Apple e si chiamava Apple Classrooms of Tomorrow (ACOT)  e aveva coinvolto due classi.

Persino io avevo già scritto un articolo sul tema per Apogeonline nel 1998 Il computer a scuola secondo Microsoft in cui  raccontavo degli esiti del progetto Anytime, Anywhere Learning di Microsoft, dove tra l’altro facevo qualche riflessione sugli spazi (le famose classi 3.0, destrutturate, o chiamatele come volete).

Insomma l’articolo mi ha molto divertito: affronta le 5 questioni critiche dell’uso dei dispositivi digitali in classe. La prima domanda fatidica”MA con un pc (tablet, or whatever) a testa i bambini imparano di più?” e la risposta – in perfetto stile jarabe-de-palo – è: DIPENDE!  non ci vuole molto, ma tuttora TRENT’ANNI DOPO, due o tre piani nazionali di scuola digitale in Italia, clamorosi fallimenti in US sugli IPAD 1:1, abbandono del progetto LIM in Inghilterra, banalmente qualcuno lo dice semplicemente:

It’s only when one-to-one computing is an element in a well-conceived plan involving learning and teaching in the classroom that one-to-one can energize the learning environment. Without such a plan and the support and professional development that needs to accompany a well-conceived plan, some teachers will make good use, others “not so good” use. Thus, the overall impact could balance out and, in general, seem to not make much of a difference.

“Solo quando l’1:1 computing è uno degli elementi di un piano ben concepito che coinvolga apprendimento e insegnamento in classse, puo’ energizzare l’ambiente di apprendimento. Senza un tale piano, il supporto e lo sviluppo professionale necessario ad accompagnarlo, alcuni insegnanti ne faranno un buon uso, altri un uso un po’ meno buono. Quindi bilanciando l’impatto complessivo, l’impressione generale e che non faccia poi una gran differenza”

La mia traduzione non e’ il massimo ma spero che il concetto sia chiaro.  Anche le altre 4 domande sono interessanti e riguardano l’importanza di un supporto IT dentro la scuola (anche questo pare un concetto che nessuno ministero riesca ad interiorizzare), al fatto che 1:1 e BYOD possano convivere, che l’uso di filtri e meccanismi di protezione sui PC della scuola sono superati e che solo l’investimento sulle competenze permette un uso corretto del digitale (anche qui cose che ripetiamo da tempo).  L’articolo è qui, ma voglio tornare sull’1:1 computing.

Sabato a Torino c’e’ stato il primo CoderDojo, grazie agli amici del MuPin e tante altre realtà e persone che si sono coordinat questi bambini di 7-8 anni si muovevano con disinvoltura sui loro laptop, grazie al fatto di avere genitori competenti e in grado di sostenere quella spesa, e non ho potuto fare a meno di pensare ad alcune scuole e ai laboratori che mettono a disposizione. Non vorrei essere fraintesa, non penso che nella vita tutti debbano fare i programmatori, ma la scommessa della scuola sta proprio nel dare a tutti le stesse possibilità, soprattutto a quelli che nessuno accompagna al coderdojo.

 

 

 

Turin Jam Today: la game jam per serious game .. sul serio!

E’ stata davvero una bella esperienza organizzare la Turin Jam TOday che si è svolta dal 13 al 15 giugno 2014.

Le game jam sono maratone no stop di programmazione (come le hackaton) che hanno l’obiettivo di produrre risultati concreti come un’app o un videogame o un serious game.

La più famosa è la Global Game Jam: l’ultima edizione che si è svolta a gennaio 2014 ha coinvolto 23,198 jammers registrati in 488 località distribuite 72 Paesi e ha prodotto 4,290 progetti di gioco, una di quelle località era proprio Torino e l’evento è stato organizzato dalla T-Union, una associazione che riunisce aziende torinesi di videogioco.

Il mio coinvolgimento con il gioco è legato al tema dell’apprendimento e della didattica. Il primo esperimento risale al 1997, durante l’esperienza del Laboratorio Telematico di Collegno con il progetto di Didattica Collaborativa: l’obiettivo era imparare ad usare le tecnologie digitali per collaborare a distanza.

Molto dopo, nel 2012, l’idea dell’Italian Scratch Festival:   un concorso nazionale per sviluppare videogiochi utilizzano il linguaggio scratch, inventato al MIT per favorire l’espressività di bambini e ragazzi, e soprattutto un modo per insegnare informatica nel biennio delle superiori.

Poi all’inizio del 2014 il progetto JamToday – che prende il titolo da una citazione di Alice nel Paese delle Meraviglie

“The rule is, jam tomorrow and jam yesterday – but never jam today.” – Lewis Carroll

e il format  proprio dalla Global Game Jam: obiettivo del progetto è favorire l’adozione dei serious game nella didattica, attraverso la costruzione di un circuito europeo per la realizzazione di game jam  finalizzati alla realizzazione di serious game nella didattica.

Da febbraio si è  lavorato ad organizzare  la Turin Jam Today: il supporto di Marco Mazzaglia è stato senza dubbio decisivo, soprattutto perché lui aveva già organizzato la GGJ di Torino cosi’ come quello di Agnese Vellar di I3P che ha messo a disposizione la sede e il suo supporto nella promozione dell’evento.  Trovata la sede, è stata avviate  la fase di promozione e di ricerca di partner. e sono stati organizzati eventi di preparazione.  Come sempre ci sono cose che sono andate meglio del previsto e altre che invece non hanno funzionato, soprattutto in termini di visibilita’ ( sui siti di alcuni dei soggetti  direttamente coinvolti non c’era traccia dell’evento).  E’ un vero peccato inoltre che non ci sia sensibilità da parte di agenzie formative alla richiesta dei ragazzi che vorrebbero formarsi in questo settore: se da un lato si può comprendere che si tratta di piccoli numeri in termini occupazionali, dall’altra sembra tuttavia un’occasione sprecata.

Gli sforzi sono stati ampiamente ripagati dall’entusiasmo e dalla partecipazione dei 50 jammers che si sono cimentati con un tema veramente difficile da affrontare:  sviluppare un serious game che coinvolgesse insegnanti e allievi nell’acquisizione di competenze di programmazione (coding literacy).   I lavori sono cominciati con la costituzione dei gruppi attraverso lo speed grouping (ci si trova in gruppi che dopo 5-6 minuti, si sciolgono e si ricostituiscono in modo iterativo, portandosi sempre dietro un compagno), successivamente si passa alla fase creativa in cui si cerca l’idea che deve convincere tutti, poi alla fase realizzativa in cui si fanno i conti con le risorse disponibili e lo scarso tempo a disposizione, fino alla fase finale, in cui bisogna chiudere  e presentare il lavoro svolto, a cui segue la fase di valutazione e infine la premiazione, momento importante ma non cosi tanto, perché la parte più divertente è stato il tempo passato con gli altri.

Capisco perché  le hackaton stanno avendo una grande diffusione: la bellezza di lavorare con gli altri, di con-correre (nel senso di correre insieme) con persone che non si conoscono  e che hanno competenze complementari  per realizzare qualcosa che prima di tutto deve piacere a chi la realizza, vedere l’idea prendere forma in poco tempo,  che per forza di cose rimane un abbozzo e che magari continuerà in altre forme per altre vie…    un’esperienza che consiglio davvero a  tutti, anche a chi come me, l’ha vissuta da organizzatore:  ne vale davvero la pena.