Donne e lavoro: perché il divide di genere non aiuta?

In quest’ultimo anno abbiamo visto l’effetto della campagna #metoo. Donne famose e di successo hanno trovato nel movimento la forza di denunciare le violenze fisiche e psicologiche di uomini potenti: il clima è ancora pesante, le donne di #metoo sono state accusate da altre donne di essere ipocrite e di non saper distinguere un corteggiamento da un abuso. Per questo la cosa più interessante degli Stati Generali della TV delle ragazze sono stati proprio i mini tutorial per aiutare gli uomini (e forse anche le donne) a capire quando si superano i limiti.

Le donne stanno quindi rafforzando il proprio ruolo nella società?

Non esattamente. Secondo l’edizione del Global Gender Gap 2018, al ritmo attuale di cambiamento, ci vorranno 108 anni per chiudere il divario di genere complessivo e 202 anni per avere la parità sul posto di lavoro.

La nota positiva è che rispetto al 2017, anno in cui il divario di genere era addirittura aumentato, nel 2018 c’è stato un miglioramento marginale, soprattutto nell’ambito economico in cui si è ridotta la distanza verso il reddito degli uomini.

Le donne stanno uscendo dal mondo del lavoro a un ritmo più elevato, perché l’automazione ha un impatto maggiore sui lavori tradizionalmente svolti da loro (come già previsto da un altro rapporto OCSE sul futuro del lavoro) e come se non bastasse, sono sotto rappresentate nei settori più promettenti dell’economia che richiedono competenze e conoscenze STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica).

Secondo il Women in Digital scoreBoard della UE, il rapporto fra specialisti ICT è 1 donna su 6 e 1 su 3 per laureati STEM, e nel settore ICT le donne guadagnano quasi il 20% in meno rispetto agli uomini. Finlandia, Svezia, Lussemburgo e Danimarca sono Paesi con un più alto punteggio per Women in Digital, mentre Bulgaria, Romania, Grecia e Italia registrano il punteggio più basso.


Divario di genere: ancora?

I report OCSE sul divario di genere registrano un peggioramento complessivo dell’Italia nel triennio 2016 al 2018: siamo passati dalla posizione 50 alla 70 su 149 Paesi (ma nel 2017 eravamo alla 82). Questo numero è il risultato di vari indicatori organizzati in 4 macro aree: partecipazione all’economia, partecipazione politica, educazione e condizione sanitaria.

L’educazione è l’area dove il divario di genere è minore in tutti i Paesi esaminati: forse un po’ dobbiamo ringraziare Malala Yousafzai, premio Nobel nel 2014, quando aveva 15 anni, che ha rischiato la vita per affermare il suo diritto e quello di tutte le donne all’educazione. Se non imparano a leggere e scrivere, le donne sono doppiamente emarginate perché non possono usare Internet: secondo il report sul mobile gender gap, nei Paesi a basso reddito, le donne che possiedono uno smartphone sono il 10% in meno degli uomini e il 23% in meno ad accedere alla Rete. La barriera principale all’uso mobile di internet è la mancanza di competenze.

Per l’Italia le studentesse sono a rischio maggiore di dispersione scolastica rispetto ai loro colleghi maschi: le donne adulte con licenza di scuola primaria e secondaria sono un po’ meno degli uomini, tranne che per l’educazione superiore, dove nella fascia 25-54 sono laureate il 17.4 delle donne rispetto al 12.7 degli uomini. Ma se guardiamo al personale impiegato nella ricerca, le donne sono un po’ meno della metà degli uomini (34,6 verso 65,4). Questi dati sono abbastanza costanti nel tempo e non sono certo una specificità italiana: una recente ricerca pubblicata da Nature, dimostra che negli Stati Uniti per metà delle donne la nascita del primo figlio coincide con la fine del lavoro a tempo pieno.

Intelligenza Artificiale: ancora poche le donne che ci lavorano?

L’approfondimento del Global Gender Gap 2018 è rivolto alle nuove professioni legate al settore dell’Industria 4.0 e in particolare all’Intelligenza artificiale, considerata la tecnologia più promettente del settore. Secondo l’indagine Linkedin, le donne che lavorano in questo settore sono il 22% a confronto del 78% di uomini: e qui finalmente una buona notizia per l’Italia, che insieme al Sud Africa e a Singapore ha la quota più alta di donne nel settore, ben il 28%!

Secondo gli esperti, l’intelligenza artificiale avrà un impatto sull’industria pari a quello che ha avuto l’elettricità nel secolo scorso e ogni aspetto dell’intelligenza che possa essere descritto in modo preciso potrà essere simulato alle macchine: queste due citazioni sono interessanti perché a riportarle è una venture capitalist di 14 anni, Taarini Kaur Dang, che scrive su Forbes e spiega perché si tratta di una tecnologia così pervasiva e importante che ci cambierà la vita.

Abbiamo bisogno di cambiare vita, perché il nostro modello attuale non è sostenibile: secondo l’OMS si prevedono 250 mila morti ogni anno per i prossimi 20 anni, con intensificarsi di ondate di calore, incendi causati dalla siccità, piogge intense, allagamenti costieri, nuove malattie causate dalla pessima qualità dell’aria e l’Italia per varie cause è particolarmente esposta a questi rischi. Greta Thunberg ha 16 anni ed è un’attivista che con caparbietà è riuscita a far arrivare la sua voce fino ai piani più alti del potere mondiale. Lei ha le idee chiare su come il tema del riscaldamento globale sia un problema economico e di equità.

Il progetto europeo Smart Space a cui collaboro, ha l’obiettivo di aiutare le aziende nella transizione verso la manifattura intelligente: in quasi tutti gli ambiti produttivi, le donne sono la maggioranza nel settore del controllo qualità, perché hanno una manualità più precisa ma come tutti i settori dove la presenza umana è critica ed intensiva, ci sono ampi spazi per ottimizzare, ad esempio grazie a sistemi di visione artificiale. La riduzione dei costi e una maggiore efficienza, grazie all’uso delle tecnologie, spesso è quello che fa la differenza fra un’azienda viva ed una che chiude.

Il futuro è nelle mani di ragazze come Malala, Taarini e Greta che avranno il difficile compito di conciliare le sfide economiche, ambientali e sociali, ma che hanno già vinto la loro prima battaglia: quella di farsi ascoltare.

Articolo pubblicato su TechEconomy l’8 marzo 2019

Educare nella diversità

L’Europa ha nella sua cifra il concetto di diversità: nel mondo esistono 7000 le lingue parlate, di cui 225 in Europa, e di queste 60 sono lingue minoritarie, ma questa diversificazione sta ulteriormente aumentando. Attualmente, il 4% della popolazione totale dell’UE è costituito da cittadini di paesi terzi e le proiezioni sulla popolazione prevedono che entro il 2050 sarà intorno al 20-40%: già nel 2020 il 25% degli studenti avrà background migratorio.

Le migrazioni e la globalizzazione stanno provocando cambiamenti sociali che creano nuove opportunità e sfide per le istituzioni educative. Il numero crescente di rifugiati, richiedenti asilo e bambini migranti portano le scuole e gli insegnanti a reinventarsi pratiche e strategie quotidiane per rispondere a nuovi bisogni di apprendimento.

Secondo dati OCSE PISA gli studenti che hanno una storia di migrazione di prima e seconda generazione hanno esiti scolastici peggiori dei loro coetanei, uno svantaggio condiviso anche da minoranze etniche e linguistiche storiche provenienti da contesti socio economici svantaggiati: le difficoltà linguistiche e programmi monoculturali, possono portare questi studenti all’abbandono scolastico.  Ragazzi che oggi non riescono ad acquisire conoscenze e competenze, domani saranno lavoratori marginalizzati e che probabilmente alimenteranno la cosiddetta gig-economy.

Secondo lo studio “Preparing Teachers for Diversity” la scuola è strutturalmente un luogo di diseguaglianza: mentre le aule europee sono sempre più diversificate, la popolazione degli insegnanti rimane ampiamente omogenea e spesso priva di consapevolezza riguardo ai propri stereotipi e alla diversità multidimensionale dei loro alunni: stereotipi che creano atteggiamenti negativi nei confronti degli studenti con un background linguistico, culturale, religioso diversi, nonché a nutrire minori aspettative, fino ad adottare metodi discriminatori nei loro confronti.

Per affrontare queste sfide è necessario che i sistemi educativi di tutta Europa dotino gli insegnanti di competenze interculturali, per valorizzare e adattarsi alla diversità ed essere culturalmente consapevoli di sé, e competenze comunicative per aumentare la capacità di riflettere sulle proprie convinzioni e differenze. Per superare le barriere linguistiche dei propri studenti, inoltre, gli insegnanti dovrebbero essere preparati al processo di apprendimento della lingua e in generale adottare approcci didattici inclusivi e non compensativi.

Un contributo per la formazione degli insegnanti alla diversità arriva dal progetto Erasmus+ Teaching in Diversity. I partner, esperti di diritti delle minoranze, diversità, minoranze linguistiche, progettazione didattica e media education, hanno dapprima identificato i contenuti e poi, progettato la formazione, erogata in corsi pilota nei vari Paesi di provenienza.  A partire da questa verifica sul campo è stata realizzata la versione online del corso, liberamente accessibile sul sito del progetto.

Il corso online è organizzato in sei moduli:

  1. gestione della diversità a scuola,
  2. diritti delle minoranze,
  3. non discriminazione e uguaglianza,
  4. diversità linguistica,
  5. diversità religiosa,
  6. incitamento all’odio.

Questi temi sono definiti e descritti, è indicato il quadro normativo di riferimento, alcune buone pratiche e quiz di verifica. Il corso è accompagnato da una guida disponibile in varie lingue, tra cui l’italiano, e da altri materiali.

La recente Raccomandazione europea sull’istruzione del 22 maggio 2018, richiama ai valori comuni e al rispetto dei diritti umani e delle minoranze, come contrasto a populismo, xenofobia, discriminazione e  radicalizzazione e prima di elencare le “competenze chiave”, richiama la necessità di “garantire reale parità di accesso ad un’istruzione inclusiva e di qualità per tutti i discenti, compresi quelli provenienti da contesti migratori, o da contesti socioeconomici svantaggiati, quelli con bisogni speciali e quelli con disabilità [..] come elemento indispensabile per realizzare società più coese”.  

La scuola è la speranza della società, quella speranza che come dice sant’Agostino “ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose; il coraggio per cambiarle”.

Articolo pubblicato su FBK magazine il 19 novembre 2019


L’ascensore che non c’è

La scuola ha come obiettivo la conservazione dei rapporti sociali vigenti oppure l’inclusione e l’accesso alla conoscenza per far palestra di piena cittadinanza?

La scuola, con tutti i suoi difetti, costituisce uno degli ultimi momenti di aggregazione sociale: l’obbligo di frequenza fino ai 16 anni non permette ancora alle famiglie di esercitare la scelta di non far studiare i propri figli. Mandare un figlio a scuola è un costo per la famiglia, ma è un investimento che si fa, talvolta a costo di grandi sacrifici, per dare ai propri figli maggiori opportunità di quelle che hanno avuto i genitori: avere un titolo di studio è necessario per accedere a lavori qualificati e ben retribuiti, e di conseguenza ad un migliore posizionamento sociale. Purtroppo nella maggioranza dei casi questo non succede e la scuola viene messa sotto accusa, un apparato modellato per rispondere alle esigenze della società agricole e industriale che non esistono più, scrive Norberto Bottani nel 2013.

Ma questo ascensore sociale ha davvero mai funzionato? O piuttosto la scuola ha come obiettivo la conservazione dei rapporti sociali vigenti, limitandosi ad essere strumento di assimilazione di norme per la gestione della popolazione?

Nel libro La Maestra e la Camorrista, Federico Fubini, ci racconta un’altra versione della storia: partendo da un lavoro di ricerca fatto dalla Banca d’Italia che dimostra come in sei secoli, la distribuzione del reddito a Firenze non sia cambiata, e arrivano alla conclusione che “quando l’ascensore sociale si congela in una glaciazione semipermanente – le persone smettono di crederci”. E le persone smettono di credere agli altri, perdono la fiducia, perché il gioco è sempre a somma zero: ogni avanzamento è sempre a spese di un altro. Fubini racconta di come abbia intervistato decine di adolescenti del sud e del nord dell’Italia chiedendo quanto fossero disposti a “fidarsi degli altri” e arriva alla conclusione che il “successo nutre la fiducia e la capacità di fidarsi nutre il successo” e che “La sfiducia in ciò che ti circonda si trasforma in un veleno sottile che contribuisce a paralizzare l’ascensore sociale dal basso verso l’alto in Italia.” E poi prosegue il suo racconto su come abbia tentato di intaccare questa sfiducia facendo conoscere ai ragazzi della scuola di Mondragone a Caserta, persone che partite da situazioni di difficoltà hanno avuto risultati eccellenti.

La scuola come ultima barriera al degrado l’ho conosciuta al convegno organizzato dall’Associazione Europea dei Genitori (European Parents Association) che aveva come tema quello dell’inclusione: li ho avuto l’occasione di incontrare Eugenia Carfora la dirigente scolastico dell’Ist. Morano di Caivano, un paese a 10 km da Napoli. Lei ha raccontato dei suoi fallimenti e dei suoi successi nel riuscire a dare una scuola pulita e attrezzata ai suoi allievi e di come ogni giorno sia in trincea, anche lottando con le mamme che arrivano alle minacce fisiche: la sua storia è raccontata in questo video. C’era anche Sara Ferraioli di Maestri di Strada, che ha spiegato come il loro lavoro sta nella creazione di relazioni, con i ragazzi, con gli insegnanti e con i “genitori sociali”, volontari che ricoprono il ruolo di genitori pur senza esserlo.

L’inclusione passa anche per l’accesso alle tecnologie digitali, a patto che se ne faccia un uso non superficiale, ma che stimoli il pensiero critico e la passione per la scoperta e l’apprendimento. Nella discussione sul digital divide con genitori di tutta Europa sembra che i problemi siano comuni: poche infrastrutture e scarso uso in classe, e se qualcuno ritiene che lo stato non dovrebbe promuovere l’utilizzo degli smartphone in classe, altri lo considerano ormai l’equivalente della penna e del quaderno.

La crescita inclusiva necessita che il progresso della scienza e della tecnologia siano indirizzate da uno scopo, per evitare il rischio di ampliare le ingiustizie, la frammentazione sociale e l’esaurimento delle risorse: tale scopo è il benessere individuale e collettivo. L’agenda OCSE indica come obiettivo dell’educazione quello di fornire conoscenze, abilità, attitudine e valori per rendere le persone in grado di contribuire e di fruire un futuro inclusivo e sostenibile. Per raggiungere questo scopo sono state individuate tre nuove “competenze trasformative” definite come creazione di nuovo valore, riconciliazione di tensioni e dilemmi, assunzione di responsabilità. Tradurre le “competenze trasformative” in curriculum richiede la partecipazione dell’intero ecosistema educativo: studenti, insegnanti, dirigenti, genitori, decisori, ricercatori, sindacati, attori sociali e commerciali sono coinvolti in un processo di co-creazione per definire le linee guida dei nuovi sistemi educativi.

Nuovi sistemi educativi che permettano di affrontare l’incertezza e l’imprevedibilità del futuro, ma dove la speranza e la fiducia negli altri sembra ancora più indispensabile.

 

(questo articolo l’ho scritto per il magazine della Fondazione Bruno Kessler 

Image  of the Spiral Stair By Petar Milošević – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=42663476

 

Slow Tech and ICT – A Responsible, Sustainable and Ethical Approach (recensione libro)

“Cari lettori, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) stanno distruggendo la vita delle persone.” Questo è il modo in cui gli autori introducono il libro: nessuno spazio per eventuali interpretazioni errate, il messaggio è forte e chiaro. Ma non sono luddisti o tecno-scettici: propongono una profonda riflessione sul design e l’uso delle ICT centrate sull’uomo. Gli autori propongono un approccio all’ICT responsabile, sostenibile ed etico o, in altre parole, buono, pulito ed equo. Riconoscono i pensatori ispiratori, come Carlo Petrini, fondatore del Movimento Slow Food che contrasta l’ascesa del fast food e della vita veloce e si concentra sul rapporto tra cibo e ambiente, Alexander Langer con la sua riflessione su un nuovo concetto di benessere, basato su uno stile di vita più lento, più profondo e più dolce e la necessità di un cambiamento ecologico che può aver luogo solo se diventa socialmente desiderabile e René von Schomberg che, in quanto policy maker dell’UE, lavora per un’innovazione responsabile socialmente desiderabile, inclusiva e ambientale sostenibile. Le TIC sono buone se mettono gli esseri umani al centro a partire dai loro bisogni e usando un approccio interdisciplinare in base al quale umanista e tecnologo lavorano insieme. È pulito se si prende in considerazione l’impatto sull’ambiente, vale a dire la scarsità di metalli delle terre rare, i consumi energetici dei grandi mega centri e il riciclaggio dei rifiuti elettronici. Infine, è giusto che i diritti umani e la salute e la sicurezza dei lavoratori siano rispettati lungo tutta la catena del valore. Anche per l’istruzione, una buona TIC è importante: il web offre enormi opportunità per migliorare l’accesso alle conoscenze, ma è importante che gli insegnanti aiutino gli studenti a coltivare un modo più profondo di scrivere e parlare e diventare capaci di interagire con strutture complesse, in termini di linguaggio e pensando Gli esseri umani hanno bisogno di tempo per pensare, meditare e discutere: essere in una “modalità di input sempre attivo” può portare a diventare obiettivi passivi dei messaggi e facilmente manipolabili. Questo libro è pubblicato da Palgrave Macmillan con ISBN: 978-3-319-68943-

 DIGITAL EDUCATION – Un nuovo paradigma per le sfide di domani

Venerdi 13 aprile 2018  all’interno del convegno Digital Education dell’Università di Torino, si svolgera il workshop  “Startup Digi Educative” 

A due anni della prima edizione del convegno promosso da Cinedumeia, ci sara’ ancha la seconda edizione del workshop con startup che operano nel campo dell’ educazione e della comunicazione.

Nel 2016 abbiamo dialogato con Paolo Giovine di  PubCoder,  Antonio de Marco di Naboomboo e  Andrea Bolioli di Cross Library.

Nell’edizione 2018 sono stati invitati:  Edoardo Montenegro di Betwyll, MArco Iannacone di Tabletascuola.net, Sonia China di Tinkidoo, Alessio Neri di Fare Media Digitali, Pier Luigi Vona di Fablabforkids e Barbara D’amico di Viz&Chips.

Leggi tutto ” DIGITAL EDUCATION – Un nuovo paradigma per le sfide di domani”

Lingua, Coding e Creatività (recensione libro)

Ho conosciuto Stefano Penge   l’anno scorso grazie a Rodolfo Marchisio che ci ha coinvolti entrambi in un evento formativo per l’Associazione Gessetti Colorati di Reginaldo Palermo, sul tema coding a scuola. Le nostre posizioni sono  distanti:  l’Associazione DSchola, di cui sono direttrice,   dal 2012 promuove attivita’ sul coding e  Scratch, organizza un festival nazionale addirittura aperto alle superiori e con premi per i vincitori, organizza corsi per bambini delle elementari e per docenti di sostegno:  insomma tutto quello che  Stefano (e molti altri esperti come lui) discute e analizza, soprattutto per proporre alternative.  Sono incuriosita dalle riflessioni sul tema della programmazione come narrazione  e quando Stefano mi ha proposto di collaborare alla sua idea di mostra del coding, ho accettato con interesse.   

Questa è la mia recensione del libro “Lingua, Coding e Creatività”  di Stefano Penge. 

Attraverso la lingua ci rapportiamo al mondo: è uno strumento che prescinde da noi stessi, che ci permette di conoscere gli altri, scoprendo cosa ci unisce e cosa di differenzia. Leggi tutto “Lingua, Coding e Creatività (recensione libro)”

A scuola di Fact Checking

Mercoledì 7 Marzo 2018 -14.30  presso I.I.S Avogadro – Torino si svolgerà per la Settimana Rosa Digitale, l’evento “A scuoal di Fact Checking”

“I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli” diceva il prof. Umberto Eco qualche anno fa, opinione condivisa da Marco Biffi, responsabile dei progetti digitali dell’Accademia della Crusca, secondo cui il termine post-verità descrive la nostra epoca “in cui conta l’apparenza e non la sostanza, in cui si dà molta importanza a quello che circola nella Rete.

Leggi tutto “A scuola di Fact Checking”

Domani è già oggi

Dopo il successo dell’edizione 2017, Domani è già oggi – un evento di Rosa Digitale, torna anche quest’anno: per appassionarsi alle STEAM – Science, Technology, Engineering, Art e Mathematics, i migliori tutor sono gli studenti stessi che guideranno laboratori specializzati per gli studenti più piccoli, con l’obiettivo di contrastare le disuguaglianze di genere a partire dalla scuola.

Grugliasco, 5 marzo 2018 dalle 8.30 alle 12.00 Leggi tutto “Domani è già oggi”

Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap

Alla sessione Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap del convegno Cittadinanze dell’Universita’ di Torino coordinata da Mariella Berra, hanno partecipato

  • Alessandro Sciullo, Donne, scienza, tecnologia. Un rapporto
    in evoluzione raccontato per numeri
  • Giulia Maria Cavaletto, La generazione Millenials: la scalata
    alle STEM?
    Carmen Belloni, Donne, scienza, tecnologie. Un rapporto
    ambiguo e (volutamente?) imperfetto
  • Eleonora Pantò, Big and small data
  • Guglielmo Bruna, Una sfida per l’organizzazione della PA
    digitale: un nuovo equilibrio di genere?

Leggi tutto “Donne e nuove tecnologie: contrastare il gender gap”