[:it]OER Toolkit[:]

[:it]Oer-logo-300dpiGrazie al lavoro di Philips Schmidt, docente dell’Universita’ del Sud Africa, che si e’ inventato tra le altre cose la Peer to Peer University ed è stato promotore del Mozilla Open Education Course che ho avuto l’opportunità di seguire, la Community OER Unesco ha a disposizione un altro importante strumento: OER Toolkit, ovvero la cassetta degli attrezzi per chi voglia partire con un progetto OER.

Le pagine wiki nascono all’interno della community per  definire un progetto per OER-FAI-DA-TE (in inglese ‘Do-It-Yourself/Do-It-Together’ ): grazie all’ottima gestione di Susan D’antoni e Catriona Savage,  sono presenti varie sintesi delle discussioni che ne riportano i punti salienti.

Il toolkit è rivolto soprattutto ai docenti universitari, ma anche a chi con essi opera, come bibliotecari o tecnici IT.

Attraverso le  pagine wiki,  che potrebbero  diventare un  unico file in PDF,  dopo una presentazione sul tema open education e open content, è possibile avere indicazioni su come reperire OER, come crearne di nuovi e condividerle, sulle questioni legate alle licenze, e infine indicazioni su come avviare un progetto istituzionale  di OER.[:]

[:en]Open Education Resources: Conversation in Cyberspace[:]

[:en]cover of the bookIn quality of member of the OER Unesco community, I am very happy to know about this publication from UNESCO.

The book brings together the background papers and reports from the first three years of activities in the community. From the press release:

Education systems today face two major challenges: expanding thereach of education and improving its quality. Traditional solutionswill not suffice, especially in the context of today’s knowledgeintensive societies.
Open Educational Resources offer one solution for extending
learning opportunities. The goal of the OER movement is to equalize access to knowledge worldwide through sharing online high quality content. Open Educational Resources are digitalized materials offered freely and openly for use and reuse in teaching, learning and research.
Since 2005, UNESCO has been at the forefront of building
awareness about this movement by facilitating an extended
conversation in cyberspace. A large and diverse international
community has come together to discuss the concept and potential of OER in a series of online forums.
The background papers and reports from the first three years of community activities are now available in print. Open Educational Resources: Conversations in Cyberspace provides an overview of the first steps of this exciting new development: it captures the conversations between
leaders of some of the first OER projects, and documents early debates on the issues that continue to challenge the movement. The publication will provide food for thought for all those intrigued by OER – its promise and its progress. Open Educational Resources: Conversations in Cyberspace is UNESCO’s first openly licensed publication – an indication of the commitment of the Organization to the sharing of knowledge and the free flow of ideas.

To access the free online edition, go to http://oerwiki.iiep-unesco.org/index.php?title=Open_Educational_Resources:_Conversations_in_Cyberspace.

The print edition can be purchased for 12 Euros at http://publishing.unesco.org/details.aspx?Code_Livre=4671.

Reblog this post [with Zemanta]

[:]

[:en]Global Voices Book Challenge[:]

[:en]

Global Voices Book Challenge

April 23 is UNESCO World Book Day – and just because the Global Voices team loves blogs, doesn’t mean we have forgotten other forms of the written word! In fact, because we think reading literature is such an enjoyable way to learn about another culture, we have a fun challenge for all Global Voices contributors and readers, and bloggers everywhere.

The Global Voices Book Challenge is as follows:

Read a book during the next month from a country whose literature you have never read anything of before.

Write a blog post about it during the week of April 23.

UPDATE: Tag your posts with #gvbook09 so we can find your posts.

If you would like to know what you should be reading from Vietnam, Bolivia, Mozambique or New Zealand, or any other country, just ask in the comments
here
Someone is sure to give you suggestions.

And if you have any recommendations for any must-read works from your own country, please leave a comment too.

Once you have read your book (and written a post!) let us know – we’d love to discover what you learned on your literary expedition.

Feel free to use the images above and below to spread the word of the Global Voices Book Challenge!

[:]

[:it]Un giro del mondo con un libro, insieme a GlobalVoices[:]

[:it]gv-book-challenge-square-75Le menti effervescenti della redazione di GlobalVoices, dopo l’iniziativa “Love is in the air 2009” per S. Valentino, vi propongono la Global Voices Book Challenge. Ecco l’iniziativa, nella traduzione italiana fatta Maria GRazia Pozzi:

Il 23 aprile si celebra la Giornata Mondiale del Libro [in] promossa dall’UNESCO e il fatto che Global Voices rappresenti i blog non significa che abbia dimenticato le altre forme di espressione scritta! Infatti, poiché riteniamo che la letteratura di ieri e di oggi sia un mezzo straordinario e divertente per conoscere altre culture e civiltà , proponiamo una simpatica ‘sfida’ ai collaboratori di Global Voices, ai lettori e ai blogger ovunque nel mondo.

Il mese del libro con Global Voices si sviluppa così:

1) il mese prossimo leggete un libro di un Paese la cui cultura vi è del tutto sconosciuta.

2) scrivete un post in un blog qualsiasi durante la settimana del 23 aprile e segnalatelo in coda a questo.

E se volete sapere cosa dovreste leggere su Vietnam, Bolivia, Mozambico, Nuova Zelanda o qualunque altro Paese, chiedete pure nello stesso spazio per i commenti. Ci sarà sicuramente qualcuno disponibile a offrire suggerimenti e consigli!

Se invece volete segnalare dei libri assolutamente da leggere che parlano del vostro Paese, lasciate un commento a beneficio degli altri.

Una volta terminato il libro (e scritto il post!), avvisateci – ci farà piacere sapere cosa avete scoperto nel corso della vostra spedizione letteraria.

Utilizzate liberamente queste immagini per diffondere l’iniziativa di Global Voices sul Giro del Mondo… con un libro!

Reblog this post [with Zemanta]

[:]

[:it][OERItaly] Un toolkit per le Risorse Educative Aperte[:]

[:it]Da tempo all’interno della OER Community UNESCO si discute di realizzare un toolkit di supporto per chi voglia far partire programmi di OER.
Il toolkit è già disponibile in una versione draft sul wiki della community ed è stato pensato per essere stampato e distribuito alle Università dei Paesi in via di sviluppo.

Oggi, 16 giugno 2008, è ufficialmente partita la discussione per finalizzare il documento con il contributo di tutti. Il processo iniziato nel 2006, vedrà ora un periodo di due settimane di discussione guidata dal prof. Philipp Schmidt che insegna in Sud Africa.
Il Professore ha sottolineato come la data del 16 giugno sia particolarmente significativa per parlare di Risorse Educative Aperte, soprattutto perché in Sud Africa, nella stessa data 32 anni fa, nel 1976, gli studenti delle scuole secondarie di Soweto protestavano per avere un’educazione migliore e furono attaccati dalla Polizia con armi e lacrimogeni. A memoria di questo evento, che è considerato uno dei momenti cruciali della lotta all’Apartheid, si festeggia oggi il Youth Day.

Nell’arco delle prossime due settimane, verranno dedicati 3/4 giorni per dare una risposta ad ognuna delle seguenti domande:


1 РIl Documento ̬ completo?

Ci sono argomenti che non sono stati affrontati?
Esistono ulteriori risorse nella Community che potrebbero essere incorporate o linkate?

2 – Quali altri contenuti o servizi si potrebbero offrire in aggiunta al testo?

Si potrebbe pensare a commenti o all’aggiunta di link per esempio?

3 – Ci sono altri gruppi di destinatari oltre le università e gli specialisti (soprattutto nei paesi in via di sviluppo)?

Potrebbe essere utile sviluppare materiali simili per questi nuovi soggetti?

4 – Qual è il modo migliore per assicurare sostenibilità e ulteriori sviluppi al toolkit?

Il toolkit è disponibile a questo indirizzo:
http://oerwiki.iiep-unesco.org/index.php?title=UNESCO_OER_Toolkit

Chi fosse interessato alla discussione può iscriversi alla lista e partecipare alla discussione, oppure aderire alla community italiana OERItaly[:]

[:it]UNESCO OER Community Awarded at eLearning Africa[:]

[:it]The UNESCO OER Community received the 2008 MANeLA Leadership Award. Â It was presented at eLearning Africa last week by Moustapha Diack, Director of MERLOT Africa Network (MAN), and Gerry Hanley, Executive Director of MERLOT.

The Leadership Award recognizes the Community’s “significant contribution to the global understanding of the issues and innovations surrounding OER and the OER movement”.

The Merlot Africa Network (MAN) established a “MAN-eLearning Africa exemplary practice Award” to recognize exemplary OER (learning resources) and Communities of Practice. MAN made use of the peer review protocol already established by MERLOT for selecting best practices, and modified the protocol to include criteria of OER internationalization such as multi-language support and accessibility. Â Our thanks to MAN for this honour.

Thank to Susan D’Antoni and her staff, for their endful energy and work and for being the catalyst of our community![:]

[:en]Learning4content workshop – Building capacity for open education together[:]

[:en]WikieducatorAs a member of the UNESCO OER Community I have the opportunity to take part to a wiki training session promoted by the Wayne Macintosh of the Commonwealth of Learning (COL).

WikiEducator Learning4Content: 25 February-7 March

The UNESCO OER Community has considered the need to create resources to support local awareness raising activities to extend and build on the interaction in the Community. The set of stories that has been created is one resource. This training session can be used to create additional resources for local awareness raising of OER.[:] Leggi tutto “[:en]Learning4content workshop – Building capacity for open education together[:]”