TedxTorino : Life on Mars

TedxTorino : Life on Mars

Sono un’appassionata fan di TEDx e quindi mi è sembrato di toccare il cielo con un dito quando mi hanno proposto di essere fra gli speaker nel 2017.

Domenica 21 febbraio (che fra parentesi era pure il mio onomastico) il #TEDxTorino è sbarcato su Marte ed io pure, con perfetto tempismo con la missione Mars2020 della NASA che ha portato il Rover Perseverance ad “ammartare” proprio due giorni prima, il 19 febbraio alle 21.56.

Nonostante abbia seguito (come tutti) il TEDxTorino dal PC a casa mia, mi sono molto divertita: ho apprezzato la piattaforma online e la possibilità di interagire con i sondaggi e leggere i commenti degli altri. Purtroppo ho perso la prima parte ma tutti i talk che ho visto sono stati di ottimo livello per i temi trattati e per il modo di raccontare le storia, o meglio “l’idea che merita di essere condivisa”. Molto brava e professionale anche Giulia Piscina che ha presentato. Appena possibile non perdetevi la registrazione di :

  1. Max Casacci, non ha bisogno di presentazioni – il suo lavoro con i suoni della natura è una sintesi che ha del misticismo: tutti i brani sono realizzati utilizzando suoni della natura, onde marine, canti delle balene come in Oceanbreath; dialoghi fra le radici delle piante nel Wood Wide Web (nel link c’è un video TED 😉 realizzata in collaborazione con Stefano Mancuso, il rumore della danza delle api per prendere decisioni.

https://www.youtube-nocookie.com/embed/0n1v2z6mCTQ?rel=0&autoplay=0&showinfo=0

Video Oceanbreath in Earthphonia

Pasquale Acampora un bel talk motivazionale (funzionano molto bene nel formato TED) ci ha raccontato della sua vita, dell’importanza di ascoltare e di osservare e di donare, perché in fondo ci conviene, se doni alla vita, la vita ti restituisce doni.

Raissa e Momo una coppia giovane che con loro storia a due voci, hanno raccontato con brio e simpatia, quanto sono inutili e dannosi i pregiudizi.

Consuelo Pecchenino concept artist (finalmente ho capito cosa vuol dire) vincitrice di premi che un giorno ad affrontare la malattia che le impedisce di creare: bisogna ascoltarla per imparare e non perdersi d’animo davanti alle difficoltà.

Simona Ricci che ci invita a visitare i musei della nostra città come fossimo turisti e a ritornarci ogni due o tre anni per ritrovarli sempre rinnovati.. speriamo davvero di poterci tornare presto…

6 Irina Potinga blogger di spaziogrigio, molto attesa dal pubblico, nel suo talk racconta il suo viaggio personale verso il minimalismo

Andrea Dianetti che con ironia ci ha invitato a restare sulla Terra, prendendocene cura e al massimo pensare di mandare su Marte quelli di cui vorremmo liberarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.